Formula 1

Published on Settembre 1st, 2015 | by redazione

0

GP Italia: l’insidia dell’alta velocità

A Monza sta per iniziare il lungo week-end del GP Italia.

Sarà disputato domenica 6 settembre su un circuito che presenta i rettilinei più veloci di tutto il calendario e che richiede un basso set up aerodinamico.

12-Italian-Preview-1k-ITQuello dell’Autodromo Nazionale è un tracciato semplice solo in apparenza perché nasconde diverse insidie. Proprio perché molto veloce – anzi è il più veloce dell’intero campionato di F1 – tende, ad esempio, ad essere più impegnativo per gli pneumatici rispetto ad un circuito più lento, in quanto i diversi carichi determinano un accumulo di calore, in particolare sulla spalla dello pneumatico.

A Monza, infatti, entrano in gioco sia notevoli accelerazioni laterali, con curve lunghe come la Parabolica, sia grandi sollecitazioni longitudinali, a causa dell’elevata trazione e frenata. Gli elevati carichi di energia, fino a 4,5 g, che si scaricano sulle gomme e i violenti impatti sui cordoli sollecitano in modo importante le coperture.

Considerato il basso carico aerodinamico, i piloti dovranno prestare particolare attenzione agli pneumatici, al fine di evitare lo slittamento delle ruote in accelerazione. Altre fortissime sollecitazioni avvengono in frenata, arrivando anche da picchi di velocità vicini a 360 km/h.

Per il GP Italia Pirelli – che renderà note le conclusioni delle indagini relativi dalla delaminazione della gomma di Vettel a Spa – ha scelto il P Zero White medium ed il P Zero Yellow soft: due mescole versatili, capaci di bilanciare al meglio prestazioni e durata (la differenza prestazionale Differenza di prestazione tra le due mescole dovrebbe aggirarsi su 0,8 – 1 secondo al giro).

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS

  • Il libro Brembo della Formula 1 2016