Endurance

Published on Ottobre 26th, 2020 | by Massimo Campi

0

Porsche celebra la seconda vittoria consecutiva della Total 24 Hours of Spa della ROWE Racing

La Porsche vince nuovamente la Total 24 Hours of Spa con il Team ROWE Racing.

L’equipaggio # 98 composto da Nick Tandy, Earl Bamber e Laurens Vanthoor ha vinto l’edizione 2020 della 24 Ore di Spa riuscendo a conquistare il successo nello stint finale di una gara che si è svolta in un clima molto impegnativo sulle Ardenne. La Porsche si trovava piuttosto attardata in classifica ma dopo la 22 esima ora il Team ROWE, con una condotta di gara molto attenta, è riuscito a portare la Porsche # 98 nelle posizioni top facendola diventare una serie pretendente alla vittoria finale assieme all’Audi Sport Team Attempto, Audi Sport Team Sainteloc e le Ferrari di AF Corse e SMP Racing.

 

Nelle fasi finali la battaglia ha raggiunto il suo crescendo, e la squadra Attempto sembrava avere il controllo, nonostante le piogge sempre più abbondanti a Spa-Francorchamps. Frederic Vervisch ha consegnato i comandi a Patric Niederhauser a due ore dalla fine, regalando allo svizzero un vantaggio di sette secondi sulla vettura Sainteloc di Dorian Boccolacci. Dietro di loro, tuttavia, Tandy stava facendo il suo passo. A 90 minuti dalla fine il pilota inglese ha attaccato Alessandro Pier Guidi sulla Ferrari # 51 di AF Corse per portarsi al terzo posto, poi ha iniziato a rimontare su Boccolacci. Gli ultimmi 75 minuti di gara sono stati fondamentali per il successo, mentre tutti i leader entravano ai box, la ROWE Porsche ha scelto di rimanere in pista con i suoi pneumatici Pirelli che funzionavano al meglio sul terreno difficile, scavalcando in classifica entrambi gli equipaggi Audi Sport. Quando è entrata la safety car in pista questo vantaggio si è rivelato cruciale, con la Porsche della ROWE passata al comando.

Alla ripartenza Tandy è stato molto bravo a difendere la posizione con gomme più consumate rispetto agli avversari, incalzato negli ultimi giri anche da Niederhauser che riusciva a rimontare portando lo svantaggio a meno di due secondi da Tandy. Il finale è stato molto tirato, con la Porsche ROWE che perdeva olio dal cambio, rendendo impossibile alla vettura dell’Audi Sport Team Attempto un attacco finale per la vittoria. Il problema ha aiutato la squadra ROWE ad assicurarsi la seconda vittoria consecutiva della Total 24 Hours di Spa dopo il trionfo della GPX Racing lo scorso anno.

Tandy ha guidato gli stint da campione misurato, ma anche i suoi compagni di squadra sono stati fondamentali per la vittoria. Bamber ha fatto il turno più lungo del trio, prendendo il volante per quasi nove ore durante la gara. Anche l’esperienza vincente di Vanthoor è stata inestimabile poiché l’asso locale ha conquistato la sua seconda vittoria nella Total 24 Hours of Spa. Anche la squadra ROWE deve prendersi un grande merito, essendosi assicurata, oltre alla sua seconda vittoria assoluta e un quarto podio in cinque anni.

L’equipaggio # 66 dell’Audi Sport Team Attempto è stato un valoroso avversario con Niederhauser, Vervisch e Mattia Drudi. Dinamic Motorsport ha portato una seconda Porsche sul podio, riuscendo a scavalcare per il terzo posto la Ferrari AF Corse # 51 durante le fasi finali dopo un’emozionante battaglia tra Matteo Cairoli e la Ferrari # 51 di Pier Guidi. Il pilota di AF Corse è poi scivolato dietro alla # 12 GPX Racing Porsche.

Tre equipaggi sono emersi come i migliori tra i corridori Pro-Am ed alla fine è stata la Lamborghini # 77 Barwell Motorsport ad aggiudicarsi la vittoria con un bel 16 ° posto assoluto, approfittando di un cambio di gomme con quella da bagnato proprio mentre iniziava a piovere.

La star della gara è stata Sandy Mitchell, il cui ritmo e il cui equilibrio su una pista bagnata sono stati fondamentali per il successo del Team Barwell. In effetti, questa è stata la seconda vittoria consecutiva di classe del giovane scozzese con la squadra dopo il trionfo nella Silver Cup lo scorso anno.

La Bentley # 108 CMR ha conquistato gli onori di Coppa Am grazie a Clément Mateu, Romano Ricci, Stéphane Tribaudini e Stéphane Lémeret, quest’ultimo che ha festeggiato la sua seconda vittoria di classe nelle Ardenne dopo aver conquistato gli onori Pro-Am nel 2015.

A causa della pandemia Covid è stata una gara molto particolare quella del 2020, in una atomosfera tipicamente autunnale, e senza il pubblico che notoriamente affolla le colline delle Ardenne.

Il vincitore assoluto Nick Tandy, della # 98 ROWE Racing Porsche ha così commentato la vittoria: “A metà del penultimo giro ho avuto un piccolo problema alla curva otto e quando sono uscito di curva ho sentito una forte vibrazione. Pensavo che una giunzione dell’albero di trasmissione si fosse rotta, ma l’auto era ancora in funzione. A quanto pare anche la scatola del cambio era danneggiata e sfortunatamente per i nostri concorrenti abbiamo ricoperto la pista di olio. Possiamo solo scusarci per questo, ma ci ha salvato! Ho dovuto guidare l’ultimo giro e mezzo senza spingere e ho dovuto percorrere con molta attenzione le curve per non causare ulteriori danni. Ma, alla fine, vincere questo con questi due ragazzi è una sensazione incredibile, e così è condividerlo con tutto il team di ROWE. Sono stati così bravi questa settimana e sono così felice che abbiano potuto vincere Spa e il Nürburgring nello stesso anno “.

Leo Machitski, # 77 Barwell Motorsport Lamborghini – vincitore della Pro-Am: “Il 2020 è stato difficile per tutti. Con Barwell abbiamo fatto una bella corsa qui a Spa, vincendo l’Am Cup nel 2018, ma quest’anno sembrava che fossimo sfortunati. Questa è stata la mia settima o ottava Total 24 Hours of Spa, e sono già finito un paio di volte sul podio, ma questa è molto, molto bella. Essendo la prima Lamborghini al traguardo, battendo i vincitori della Silver Cup e alcuni ex piloti di F1! ”

Hubert Haupt, # 5 HRT Mercedes-AMG – Vincitore della Silver Cup: “Abbiamo iniziato questo progetto solo a giugno e vincere la Silver Cup qui a Spa è un risultato fantastico. E ‘un sogno divenuto realtà. Avevamo una formazione forte e la squadra ha fatto un lavoro fantastico. Il nostro obiettivo principale era evitare problemi e, a parte un piccolo problema alla parte anteriore della macchina, che ci è costato cinque minuti, abbiamo corso senza problemi fino alla fine. Fantastico.”

Stéphane Lémeret, # 108 CMR Bentley – Vincitore della Coppa Am: “Questa è stata la mia 22esima partecipazione alla 24 Ore Totale di Spa, e questa edizione è stata di gran lunga la più difficile. Durante il mio primo periodo ho chiamato la squadra alla radio per dir loro che volevo tornare ai box e piangere! Queste condizioni erano incredibili. Devo ringraziare i miei compagni di squadra; hanno fatto un lavoro perfetto. ”

Classifica finale

1 – L.Vanthoor-Tandy-Bamber (Porsche) – Rowe – 527 giri
2 – Drudi-Niederhauser-Vervisch (Audi) – Attempto – 4″687
3 – S,Muller-Engelhart-Cairoli (Porsche) – Dinamic – 28″750
4 – Campbell-Pilet-Jaminet (Porsche) – GPX – 36″822
5 – Calado-Nielsen-PIerguidi (Ferrari) – AF Corse – 38″225
6 – Winkelhock-Boccolacci-Haase (Audi) – Sainteloc – 38″481
7 – Engel-Stolz-Abril (Mercedes) – HRT – 41″357
8 – Bergmeister-Makoweicki-Olsen (Porsche) – Frikadelli – 1’39″997
9 – Cameron-Van der Zande-Farnbacher (Honda) – Honda – 1 giro
10 – Pepper-Gounon-Soulet (Bentley) – K-Pax – 2 giri
11 – Dumas-Deletraz-Preining (Porsche) – GPX – 2 giri
12 – Baptista-Soucek-Parente (Bentley) – K-Pax – 3 giri
13 – Lietz-Christensen-Estre (Porsche) – KCMG – 5 giri
14 – Marschall-Habsburg-Vaxiviere (Audi) – WRT – 5 giri
15 – Mitchell-Collard-Collard-Machitski (Lamborghini) – Barwell – 6 giri
16 – Siedler-Grenier-Feller (Lamborghini) – Frey – 7 giri
17 – Hui-Froggart-Cheever-Fisichella (Ferrari) – Tempesta – 7 giri
18 – Piana-Beretta-Afanasiev-Haupt (Mercedes) – HRT – 7 giri
19 – Molina-Sirotkin-Rgon (Ferrari) – SMP – 8 giri
20 – West-Goodwin-Adam-Martin (Aston Martin) – Garage 59 – 8 giri

Immagini © SRO Press

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016