Storia

Published on Ottobre 24th, 2020 | by Massimo Campi

0

GP Portogallo 1958

Ad Oporto c’è la sfida tra Moss ed Hawthorn

Nel 1958 si corre la prima gara ufficiale di F.1 in Portogallo, ad Oporto, un circuito cittadino di Boavista a Porto, un tracciato di 7,4 chilometri affacciato sulle rive dell’Atlantico di ben 180 km/h di media sul giro. Una pista particolare, con delle vere caratteristiche dell’epoca.  Sicurezza praticamente inesistente, come diceva Mike Hawthorn in un suo libro “quando esci dai box la pista è larga, ma trovi subito i binari del tram all’imbocco di una curva a sinistra che immette sull’Avenida Biavista, un rettilineo molto stretto in salita. Dopo c’è una curva a sinistra, con la strada che continua a salire con una curva a sinistra e nuovi binari del tram. Segue una curva a destra e sinistra in discesa con gli alberi e le balle di paglia che delimitano il percorso. Le balle sono distanziate, se vai in testacoda e centri una balla riesci a tornare in pista, ma se esci tra due balle rischi di ribaltarti o finire contro l’albero. Poi c’è il tratto in riva al mare, la zona del traguardo dove, oltre ai binari del tram, ci sono anche lampioni e marciapiedi!”

Nel 1958 la lotta è tra la Ferrari di Hawthorn e la Vanwall di Stirling Moss che conquista pole position e vittoria dopo un testacoda del pilota Ferrari. Nella gara, disputata il 24 agosto, Mike Hawthorn finisce alla spalle della Vanwall, con solo 5 secondi di distacco, seguito dal secondo pilota della squadra inglese,  Stuart Lewis-Evans, da Jean Berha con la BRM. Von Trips con l’altra Ferrari 246 è solo sesto, alla spalle della Vanwall di Tony Brooks.

Dopo la bandiera a scacchi c’è la sorpresa per il pilota del cavallino rampante. Mike Hawthorn è inizialmente squalificato per aver riavviato la sua vettura contro la direzione del circuito, perdendo così sette punti che saranno fondamentali per la conquista del titolo a fine anno. Tuttavia, il rivale del campionato Stirling Moss ha visto l’incidente che ha causato la squalifica ed è andato dai giudici per annullare la decisione poiché sentiva che Hawthorn non aveva fatto nulla di sbagliato. Alla fine, dopo varie discussioni, Hawthorn è stato rimesso in classifica mantenendo i suoi sette punti.

Dopo la gara in riva all’Atlantico verranno disputati altri due gran premi nel 1958, entrambi vinte dalla Vanwall, a Monza con Brooks ed in Marocco con Moss. Il team inglese conquista il titolo costruttori con ben sei vittorie su 10 GP. Stirling Moss arriva quattro volte sul gradino più alto del podio (tre con la Vanwall ed una con la Cooper), Mike Hawthorn arriva primo solo a Reims, ma i vari piazzamenti conquistati gli consentono di primeggiare su Stirling Moss per un solo punto. Il 1958 sarà una annata costernata di lutti: il pilota della Kurtis Kraft Pat O’Connor, i piloti della scuderia Ferrari Luigi Musso e Peter Collins e il pilota della Vanwall Stuart Lewis-Evans perderanno la vita durante questa stagione, a fine campionato Hawthorn, ormai stanco e demotivato si ritira, ma poco dopo perderà anche lui la vita al volante della sua Jaguar per strada.

Immagini © Ferrari press

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016