24H LeMans

Published on Giugno 16th, 2019 | by Massimo Campi

0

24 Ore di Le Mans, seconda vittoria Toyota, ma la macchina sbagliata

Tutto era pronto per festeggiare la vittoria della Toyota n°7, quella del poleman  Kobayashi, con Conway e  Lopez, mentre la vettura n°8 viaggiava tranquillamente in seconda posizione, pronta per la conquista del titolo mondiale da parte di Fernando Alonso, Kazuki Nakajima e Sebastien Buemi ed invece un sensore ha capovolto la situazione a quattro ore dalla fine, con conseguente rimonta da parte di Lopez e congelamento della classifica per il team nipponico. Con Jose Maria Lopez al volante, l’allarme di un sensore ha fatto scattare un pit stop per una sospetta foratura. Il team ha cambiato solo la ruota incriminata, ma tornato in pista il pilota si è accorto che la ruota forata era un’altra. La vittoria è così andata a Fernando Alonso con la vettura numero 8, che per oltre 20 ore si era rivelata inferiore come passo rispetto ai compagni di squadra. Con la seconda vittoria consecutiva,  Fernando Alonso è il primo pilota a conquistare due volte il Mondiale di F1 e due volte Le Mans, oltre al Mondiale Endurance.  Dietro le due Toyota, che nonostante un ritmo conservativo erano imprendibili da parte degli avversari, sul  terzo gradino del podio è finita la BR1-Dallara di Stoffel Vandoorne, Vitaly Petrov e Mikhail Aleshin, vettura italo-russa, gestita dalla ART Grand Prix, che ha approfittato dei tanti contrattempi occorsi alle Rebellion. A seguire, le due vetture del team diretto da Bart Hayden.

In LMP2, vittoria dell’Oreca Signatech con Nico Lapierre, Pierre Tiriet e André Negrao. Per il trio della Signatech è anche arrivato il successo nel mondiale. Diciottesimo posto assoluto, il risultato ottenuto alla terza 24 Ore di  Le Mans per gli italiani del team Cetilar Villorba: Andrea Belicchi, Roberto Lacorte e Giorgio Sernagiotto. La Dallara del team veneto ha marciato regolarmente per quasi tutta la gara, un problema al compressore del cambio a quattro ore dalla fine ha costretto la vettura ai box per riparare il guasto perdendo molto tempo e posizioni in classifica.  

La grande  lotta nella gara è stata quella tra le vetture GT, sempre più protagoniste a Le Mans. le case ufficiali: Aston Martin, Corvette, Porsche, Ford e la Ferrari AF-Corse, si sono date battaglia per tutte le 24 ore. In GTE-Pro, l’equipaggio composto da Alessandro Pier Guidi, Sam Bird e Daniel Serra ha conquistato la vittoria di classe, un grande risultato che premia il Team di Amato Ferrari, sempre più professionale nelle gare Endurance. La Ferrari ha lottato a lungo con la Corvette fino a quando un testacoda di Jan Magnussen sulla Corvette numero 63 ha tolto di mezzo il più pericoloso rivale. Seconda è la Porsche con Gimmi Bruni che ha tentato la rimonta insieme a Fred Makowiecki. Nonostante il problema allo scarico che li ha tolti dalla lotta per la vittoria, Kevin Estre e Michael Christensen hanno vinto invece il titolo mondiale. Terzo posto per la prima delle Porsche ufficiali “IMSA” gestite dal team CORE, seguita dalle quattro Ford GT, mai in grado di lottare al comando. Storica vittoria per la Ford GT privata del team Keating. Il businessman americano ha con grande volontà portato la vettura al via, e nonostante un suo errore ai box, con conseguente penalità, si è tenuto dietro Jorg Bergmeister con la Porsche Project 1. Nel finale poi, Jeroen Bleekemolen se n’è andato. Secondi, insieme a Bergmeister, Pat Lindsey ed Egidio Perfetti: il trio ha conquistato però il titolo. Sfortuna invece per Matteo Cairoli, autore della pole position in GTE-AM. L’incidente tra Hoshino e Fassler, per cui lo svizzero è stato riconosciuto responsabile e multato di 7.000€, lo ha privato di una possibilità di mettersi alla guida,

L’ordine d’arrivo della 24 Ore di Le Mans 2019

1 – Buemi/Nakajima/Alonso (Toyota TS050) – Toyota – 385 giri
2 – Conway/Kobayashi/Lopez (Toyota TS050) – Toyota – 16”972
3 – Petrov/Aleshin/Vandoorne (BBR1-AER) – SMP – 6 giri
4 – Jani/Lotterer/Senna (Rebellion R13-Gibson) – Rebellion – 9 giri
5 – Laurent/Berthon/Menezes (Rebellion R13-Gibson) – Rebellion – 15 giri
6 – Lapierre/Negrão/Thiriet (Oreca 07-Gibson) – Signatech – 17 giri
7 – Tung/Richelmi/Aubry (Oreca 07-Gibson) – DC Racing – 18 giri
8 – Perrodo/Vaxiviere/Duval (Oreca 07-Gibson) – TDS Racing – 19 giri
9 – Hanson/Albuquerque/Di Resta (Ligier JSP217-Gibson) – Un.Au. – 20 giri
10 – Lafargue/Chatin/Rojas (Oreca 07-Gibson) – IDEC – 21 giri
11 – Rusinov/Van Uitert/Vergne (Oreca 01-Gibson) – G-Drive – 21 giri
12 – Jamin/Ragues/Dumas (Oreca 07-Gibson) – Duqueine – 22 giri
13 – Binder/Canal/Stevens (Ligier JSP217-Gibson) – Panis-Barthez – 23 giri
14 – Gommendy/Capillaire/Hirschi (Oreca 07-Gibson) – Graff – 23 giri
15 – Zollinger/Pizzitola/Falb (Oreca 07-Gibson) – Algarve – 28 giri
16 – Fjordbach/Andersen/Beche (Oreca 07-Gibson) – High Class – 29 giri
17 – Creed/Ricci/Boulle (Ligier JSP217-Gibson) – Larbre – 30 giri
18 – Lacorte/Sernagiotto/Belicchi (Dallara P217-Gibson) – Villorba – 33 giri
19 – Cullen/Brundle/Owen (Ligier JSP217-Gibson) – Un.Au. – 37 giri
20 – Pier Guidi/Calado/Serra (Ferrari 488 EVO) – AF Corse – 43 giri
21 – Lietz/Bruni/Makowiecki (Porsche 911) – Porsche – 43 giri
22 – Pilet/Bamber/Tandy (Porsche 911) – Porsche – 43 giri
23 – Hand/Müller/Bourdais (Ford GT) – Ganassi – 43 giri
24 – Priaulx/Tincknell/Bomarito (Ford GT) – Ganassi – 43 giri
25 – Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) – Ganassi – 44 giri
26 – Mücke/Pla/Johnson (Ford GT) – Ganassi – 45 giri
27 – Van Eerd/Van Der Garde/De Vries (Dallara P217-Gibson) – RTN – 45 giri
28 – Müller/Jaminet/Olsen (Porsche 911) – Porsche – 46 giri
29 – Magnussen/Garcia/Rockenfeller (Corvette C7.R) – Corvette – 48 giri
30 – Christensen/Estre/Vanthoor (Porsche 911) – Porsche – 48 giri
31 – Farfus/Da Costa/Krohn (BMW M8) – MTEK – 50 giri
32 – Keating/Bleekemolen/Fraga (Ford GT) – Keating – 51 giri
33 – Bergmeister/Lindsey/Perfetti (Porsche 911) – Project1 – 51 giri
34 – Segal/Baptista/Lu (Ferrari 488) – JMW – 51 giri
35 – MacNeil/Vilander/Smith (Ferrari 488) – Scuderia Corsa – 52 giri
36 – Campbell/Ried/Andlauer (Porsche 911) – Dempsey – Proton Racing – 53 giri
37 – Kimura/Cozzolino/Ledogar (Ferrari 488) – CarGuy – 53 giri
38 – Prette/Prette/Abril (Porsche 911) – Proton – 53 giri
39 – Perez-Companc/Griffin/Cressoni (Ferrari 488) – Clearwater – 54 giri
40 – Wainwright/Barker/Preining (Porsche 911) – Gulf Racing – 54 giri
41 – Gostner/Frey/Gatting (Ferrari 488) – Kessel – 55 giri
42 – Derani/Jarvis/Gounon (Ferrari 488 EVO) – Risi – 56 giri
43 – Ishikawa/Beretta/Cheever (Ferrari 488) – MR Racing – 57 giri
44 – Yoluc/Hankey/Eastwood (Aston Martin Vantage) – TF Sport – 58 giri
45 – Flohr/Castellacci/Fisichella (Ferrari 488) – AF Corse – 58 giri
46 – Martin/Lynn/Adam (Aston Martin Vantage) – AMR – 60 giri
47 – Smiechowski/Winslow/Moore (Ligier JSP217-Gibson) – Inter Europol – 60 giri
48 – Schiavoni/Pianezzola/Piccini (Ferrari 488) – Kessel – 61 giri
49 – Catsburg/Tomczyk/Eng (BMW M8) – MTEK – 76 giri

Immagini Massimo Campi

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS