Attualità

Published on Gennaio 9th, 2017 | by Massimo Campi

0

Franco Barin e FB Corse: il preparatore mentale

Ottenere risultati importanti in ambito sportivo è una questione di talento, di tecnica, di preparazione fisica e, da sempre, di “forza” mentale. La storia dello sport è piena di esempi che dimostrano l’evidenza di una semplice regola: la mente fa la differenza fra uno sportivo di talento e un vero campione. La mente è il centro di tutto! Senza la giusta solidità e preparazione anche l’atleta più dotato tecnicamente e fisicamente è destinato ad esprimere solo la metà del suo potenziale e a percorrere una carriera da eterno incompiuto.

Franco Barin, con FB Corse e Suissesport, ha creato un nuovo programma come Mental Coach, preparatore mentale per atleti singoli e squadre che supporta il lavoro del trainer. Il Mental Coach professionista non sostituisce l’allenatore, ma lo supporta affiancandosi a lui nello sviluppo della concentrazione e della motivazione dell’atleta, nell’utilizzo del pieno potenziale individuale e di squadra, nel miglioramento complessivo dello stato mentale in vista dell’eccellenza nella prestazione. Non a caso, si scopre sempre più spesso che i grandi campioni – con un trend in piena crescita anche negli sport di squadra – ricorrano al supporto di un Mental Coach. In ogni sfida l’atleta è chiamato ad esprimere il meglio di sé, fornendo tutta l’energia positiva che si trova nel suo corpo in maniera tale da centrare il suo obiettivo con la puntualità di un orologio svizzero. Per riuscirci è necessario un lavoro di preparazione lungo, metodico, scientifico e dedicato alla preparazione che interessa sia le capacità fisiche o tattiche, sia quelle mentali per l’ottenimento e il miglioramento delle prestazioni, specie ad altissimo livello. I fattori chiave sono la gestione delle motivazioni, il controllo emotivo, la concentrazione nell’attimo presente e la gestione dello stress. Se a questo aggiungiamo la pressione mediatica a cui può essere sottoposta la prestazione e la paura di deludere le aspettative di chi crede in noi, siamo in presenza di ulteriori fattori che possono mettere in subbuglio anche un’ottima preparazione mentale. Ogni singolo fattore necessita d’essere gestito con una metodologia ben precisa e personalizzata. Diversi studi internazionali hanno stimato che l’introduzione di un lavoro specifico a livello mentale nella preparazione di un atleta di alto livello può portare un miglioramento nelle prestazioni sportive pari al 57%, anche se, alla luce di una sempre maggiore diffusione di questa pratica, molti arrivano a definire che l’incremento possa raggiungere anche il 70%. Pertanto il Mental Coaching ha un ruolo spesso oscuro, ma è di vitale importanza per preparare nella mente dell’atleta le condizioni più adatte a gestire la performance e a migliorare sempre e comunque.

Print Friendly, PDF & Email


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016