Formula 1

Published on Luglio 8th, 2013 | by redazione

0

Felipe Massa è ormai un caso, ma non per la Ferrari

Ennesimo ritiro di felipe Massa al GP di Germania.

Ennesimo ritiro di Felipe Massa al GP di Germania.

Negli ultimi cinque GP, 14 punti incamerati, quattro incidenti incassati, in prova o in qualifica o in gara: tre urti contro le barriere, testacoda con vettura immobilizzata fuoripista domenica, nel GP di Germania, dopo solo tre giri completati. L’ennesima stagione inconcludente per Felipe Massa.

La mancanza di forma e di concentrazione del brasiliano (33 anni, di cui undici in F1) è sotto gli occhi di tutti, eppure il suo posto non è in discussione. Parola di Stefano Domenicali.

«Ho sempre detto che ho molta fiducia in Felipe Massa – ha fatto sapere il responsabile del team di Maranello – questo è un momento molto duro e molto critico e di sicuro lui è il primo ad essere molto deluso della situazione. Ciò che possiamo fare è sostenerlo e lavorare con lui, perché abbiamo bisogno di lui». Frasi ripetute come una litania ormai da troppe stagioni per risultare sincere.

Qui non si tratta di fare linciaggio psicologico nei confronti di un pilota che nei suoi anni d’oro è stato anche protagonista del mondiale, ma semplicemente prendere atto che dopo il grave incidente patito il 25 luglio 2009 durante il GP d’Ungheria (fu colpito alla testa da una molla pesante 800 grammi che si era sganciata in piena velocità dalla Brawn di Rubens Barrichello che gli era davanti) non è più lo stesso. Ed è comprensibile.

Meno comprensibile, anzi assolutamente incomprensibile tenere Felipe Massa in prima linea, con tutti i rischi del caso, ben sapendo che col passare degli anni le prestazioni, anche dei migliori fisicamente, decadono e non migliorano.

A meno che sotto il caso sportivo di Massa non ci siano altri interessi … ma allora perché non affidargli il ruolo di ambasciatore del mondo Ferrari, o qualcosa di simile? Un pilota demotivato, sfiduciato, sotto pressione può andare oltre i propri limiti come reazione. Con quali conseguenze?

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016