GT & Turismo

Published on Aprile 6th, 2024 | by Massimo Campi

0

Negli anni ’90 nasce il BPR

 

La serie per le Gt da competizione compie 30 anni

Immagini ©Massimo Campi

Il 6 marzo 1994 una griglia di 38 vetture si riunì sul rettilineo di partenza del Circuito Paul Ricard. In pole c’erano una Porsche 911 preparata da Larbre Compétition, insieme a una Venturi 500 LM guidata dal team Pilot Jacadi di Michel Ferté. Dietro di loro c’erano molte altre Porsche, una manciata di Lotus Esprit S300 e un piccolo esercito di Venturi 400.

Per il gruppo di piloti si prospettava una gara di quattro ore; molti erano dilettanti, anche se nomi come Jarier, Wollek e Bernard hanno aggiunto all’elenco degli iscritti l’esperienza nella F1 e nelle auto sportive di alto livello. Sotto il cielo azzurro pallido e la fredda aria primaverile, deve essere sembrata solo un’altra domenica in pista. Nessuno avrebbe potuto immaginare che sarebbe stata ricordata, 30 anni dopo, come la rinascita delle corse GT internazionali.

Questa fu la prima uscita della nuova BPR Global GT Series, una sequenza di otto eventi (la stagione ’94 non assegnava titoli) che fece emergere Stéphane Ratel, allora uno dei tre partner dell’organizzazione BPR, da una serie monomarca promotore di un organizzatore di gare internazionali più riconosciuto. Da quella serie, con gli anni è nato il Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS, nata come Blancpain Endurance Series nel 2011, diventando così la serie internazionale più longeva di SRO.

Il campionato è una continuazione diretta di ciò che è iniziato con il BPR e si è sviluppato tra il 1997 e il 2009 come FIA GT. Sebbene i nomi siano cambiati, il progetto creato 30 anni fa è sopravvissuto. In effetti, ogni serie che SRO supervisiona oggi in tutto il mondo può far risalire le sue radici a quell’evento inaugurale.

“Ho sempre pensato che questa serie, che si chiamasse BPR, FIA GT, Blancpain GT o Fanatec GT World Challenge Europe, sia iniziata nel 1994″, afferma Stéphane Ratel, che ha fondato la BPR insieme a Patrick Peter e Jürgen Barth. “Da quel momento in poi lo sviluppo è stato continuo. Abbiamo visto molti cambiamenti lungo il percorso, ma non siamo tornati all’inizio.

Naturalmente alcune cose sono cambiate. Mentre le moderne gare GT sono celebrate per la competizione straordinariamente serrata, la gara di apertura del 1994 fu dominata dalla Larbre Porsche. Si è qualificata con un sorprendente vantaggio di 3,2 secondi sul suo rivale in prima fila e, domenica, l’equipaggio formato da Jarrier/Wollek/Pareja è svanito in lontananza, concludendo due giri in vantaggio.

I primi due classificati nel 1994 – entrambe Porsche – gareggiavano nella classe GT1. Allora come oggi la serie presentava una varietà di auto diverse, anche se nei giorni precedenti al Balance of Performance erano separate dalle loro capacità piuttosto che dalla formazione dei piloti. C’era una classe “GT3” molto ampia (non correlata al suo equivalente moderno e vinta anche da Larbre) e una classe per le numerose vetture del Trofeo Venturi, vinta da Eric de Doncker e Jean-Louis Sirera.

“Quando abbiamo lanciato la BPR, non c’era davvero niente di simile”, spiega Stéphane. “Le gare GT erano state dimenticate dalla maggior parte degli organizzatori, ma la fine del FIA World Sportscar Championship nel 1993 creò un vuoto che la BPR riuscì a colmare. Si può dire che siamo arrivati al momento giusto, ma abbiamo dovuto ricostruire tutto da zero”.

Quella prima stagione aveva un’atmosfera prevalentemente europea, ma alludeva anche alle ambizioni più ampie e a lungo termine del partner BPR concludendosi con due eventi in Asia. Il primo è stato a Suzuka – e nientemeno che al famoso Pokka 1000 – dove i frequentatori abituali della BPR hanno gareggiato contro una serie di iscritti nazionali, prima che l’allora nuovo ma ora in disuso circuito cittadino di Zhuhai ospitasse la prima gara automobilistica internazionale della Cina.

Fin dall’inizio il BPR si è rivolto ai conducenti dilettanti ma ha portato un approccio pienamente professionale. Team affermati come Larbre e Freisinger Motorsport lo hanno confermato, così come le telecamere arrivate per documentare la primissima gara. In effetti, in un’epoca in cui le corse GT sembravano essere una cosa del passato, presentavano un caso convincente del fatto che fossero in realtà il futuro. Le auto GT erano al centro della scena e appassionati impegnati come Rocky Agusta e Philippe Charriol hanno potuto competere ad alto livello godendosi allo stesso tempo il loro sport.

La prova di ogni serie è che i concorrenti ritornano anno dopo anno. Da quella gara inaugurale nel 1994, la Larbre Compétition vinse titoli nel FIA GT e vinse consecutive la 24 Ore di Spa dopo che questa divenne una gara GT nel 2001. Il pilota più giovane sulla griglia, Alexander Mattschull, gareggia nella serie SRO per molti anni, vincendo infine la classe Pro-Am alla 24 Ore di Spa CrowdStrike nel 2018. Chamberlain, Augusta, Bryner, Calderari, Charriol, De Doncker, Freisinger: sono tornati più e più volte.

“Devo rendere un omaggio speciale a Eric de Doncker”, continua Stéphane. “Nel 1992 partecipò alla prima serie da me organizzata, il Trofeo Venturi. Era di nuovo sulla griglia per la prima gara della BPR e ora, dopo tutti questi anni, correrà nella Fanatec GT2 European Series Powered by Pirelli al Circuit Paul Ricard. Il livello di passione e impegno è incredibile. Ragazzi come questi sono la spina dorsale del nostro sport”.

Tre decenni dopo, le corse GT per clienti sono diventate una parte fondamentale dello sport motoristico internazionale, attirando una serie di importanti produttori per dimostrare la superiorità delle loro creazioni. La moderna formula GT3 è il riferimento globale – e Fanatec GT Europe la sua serie di punta – mentre GT4 rimane straordinariamente forte e la nuova generazione di macchine GT2 continua a crescere.

La serie BPR, dopo il primo anno, nel 1995 venne aperta con la prova sul tracciato di Jerez. Nella serie correvano vetture importanti come la Ferrari F40 e la McLaren F1 che vinse la prova di Monza con Nielsen/Bscher dimostrando che il campionato stava diventando molto importante a livello internazionale.

Nella stagione 2024 ci saranno oltre 100 vetture GT di più di una dozzina di produttori all’evento di apertura della stagione in Francia. Per un giovane fan che guarda nel 2024, potrebbe sembrare che sia sempre stato così, che le corse GT siano sempre esistite come un’area fiorente delle corse automobilistiche internazionali. Ma c’è stato un tempo in cui sembrava sull’orlo dell’estinzione. La svolta nel suo recupero avvenne 30 anni fa, in una domenica che sembrava come tutte le altre, al Circuito Paul Ricard.

« 1 di 2 »
Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Back to Top ↑