Endurance

Published on Giugno 6th, 2021 | by Massimo Campi

0

ELMS Le Castellet vince G-Drive ed Iron Lynx

Sulla pista francese arriva finalmente la prima vittoria stagionale per il G-Drive Racing nella 4 Ore ELMS del Castellet con l’equipaggio formato da Roman Rusinov, Franco Colapinto e Nyck de Vries. I tre sono partiti dalla pole position con la Aurus 01, ma il team russo ha sofferto per tutta la gara confrontandosi con le due Oreca dello United Autosports che hanno completato il podio. Al via è l’Oreca del Team WRT con Yifie Ye la protagonista delle prima fasi di gara ma poi, sfruttando le entrate della safety car a causa di alcuni incidenti e ritiri a bordo pista si sono rimescolate le carte in gioco. Il box del G-Drive ha gestito al meglio le varie fasi di gara con De Vries che superava Louis Deletraz nella penultima tornata di soste ai box. In seguito sia il pilota olandese che il portacolori del WRT si sono trovati alle spalle di Job Van Uitert sulla Oreca dello United Autosports. De Vries ha effettuato un recupero con giri al limite ed all’ultima ora ha sorpassato Van Uitert.  I due sono arrivati al traguardo con solamente 6” di scarto, a causa anche una nuova Full Course Yellow.

Sul terzo posto del podio sale l’altra vettura United Autosports di Tom Gamble, Jonathan Aberdein e Phil Hanson quest’ultimo rallentato da una foratura nelle prime fasi di gara. Quarto il Duqueine Team, seguito dalla WRT che ha subito anche una penalità di 5” per un’infrazione commessa nelle prime fasi di gara. Sesti e primi di classe ProAm Charlie Eastwood, Salih Yoluc e Harry Tincknell del Racing Team Turkey.


Primo successo anche per il DKR Engineering in LMP3. Una gara impeccabile condotta da Jean-Philippe Dayrault, che ha guidato nella prima parte di gara, e Laurents Hörr che ha finalizzato il tutto, seguiti dal Cool Racing che è sempre in testa alla classifica del campionato con Matt Bell, Nicolas Maulini e Nicklas Krütten. Terzo gradino del podio allo United Autosports con Rob Wheldon, Wayne Boyd ed Edouard Cauhaupe.

Tripletta Ferrari in LMGTE con la 488 GTE dell’Iron Lynx di Mastronardi, Cressoni e Molina che ha preceduto la “rossa” dello Spirit of Race, mentre Emmanuel Collard, François Perrodo e Alessio Rovera sono saliti sul terzo gradino del podio. quarto posto per la Porsche di Gianmaria Bruni, Christian Ried e Cooper MacNeil. Sfortunata la gara di Manuela Gostner che è stata speronata dall’attore Michael Fassbender ed è stata costretta al ritiro con una sospensione danneggiata.

4 Ore de Castellet

1 – Rusinov/Colapinto/De Vries (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 126 giri
2 – Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) – United Autosport – 6″385
3 – Van Uitert/Jamin/Maldonado (Oreca 07-Gibson) – United Autosport – 24″272
4 – Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) – Duqueine – 43″171
5 – Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) – WRT – 51″000
6 – Yoluc/Eastwood/Tincknell (Oreca 07-Gibson) – R. T. Turkey – 54″767
7 – Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) – Algarve Pro – 1’24″841
8 – Canal/Stevens/Allen (Oreca 07-Gibson) – Panis – 1 giro
9 – Lafargue/Chatin/Vergne (Oreca 07-Gibson) – Idec – 1 giro
10 – Falb/Andrade/Merhi (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 1 giro
11 – Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) – BHK – 1 giro
12 – Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) – Cool – 1 giro
13 – Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) – Ultimate – 2 giri
14 – Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) – Graff – 2 giri
15 – Merriman/Tilley/Aubry (Oreca 07-Gibson) – Idec – 4 giri
16 – Hörr/Dayraut (Duqueine M30-Nissan) – DKR – 7 giri
17 – Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) – Cool – 7 giri
18 – Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 7 giri
19 – Benham/Kapadia/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) – RLR – 8 giri
20 – Wells/Noble (Ligier JS P3-Nissan) – Nielsen – 8 giri
21 – Adomavicius/Kaprzyk/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) – Inter Europol – 8 giri
22 – Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 8 giri
23 – Hauser/Hauser/Cloet (Duqueine M30-Nissan) – Racing Experience – 8 giri
24 – Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 8 giri
25 – Aoki/Bailly/Sancinena (Oreca 07-Gibson) – ASSOCIATION SRT41 – 9 giri
26 – Dromedari/Baratto/Alders (Ligier JS P3-Nissan) – EuroInternational – 9 giri
27 – Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 9 giri
28 – Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) – MV2S – 9 giri
29 – Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) – Spirit of Race – 9 giri
30 – Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) – Nielsen – 9 giri
31 – Perrodo/Rovera/Collard (Ferrari F488 GTE EVO) – AF Corse – 9 giri
32 – Ried/MacNeil/Bruni (Porsche 911 RSR) – Proton – 9 giri
33 – Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 9 giri
34 – Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) – JMW – 11 giri
35 – Hartshorne/Gunn/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) – TF Sport – 11 giri
36 – McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 13 giri
37 – Fassbender/Evans/Lietz (Porsche 911 RSR) – Proton – 17 giri

Giro veloce: Yifei Ye 1’44″340

Immagini © ELMS press

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags:


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016