Endurance

Published on Maggio 17th, 2021 | by Massimo Campi

0

ELMS Spielberg

Vince il WRT e la AF Corse

Il vero protagonista dell’appuntamento stagionale tra le colline della Stiria è stato il tempo atmosferico, con sole e pioggia che hanno condizionato la 4 Ore del Red Bull Ring, con il team WRT che conquista il secondo successo stagionale nella ELMS. Sotto la bandiera a scacchi è passato per primo Louis Deletraz, affiancato da Robert Kubica e Yifei Ye, al volante della Oreca del Team di Vincent Vosse. Una gara vinta nelle ultime fasi quando il pilota svizzero ha messo sotto pressione Franco Colapinto, in quel momento in testa, fino a quando la Remus dell’argentino è uscita di pista a 17’ dalla fine. La pioggia ha costretto gli equipaggi ad una andatura molto precaria, numerose sono state le uscite di pista soprattutto delle LMP2, costrette a girare obbligatoriamente in configurazione di bassa downforce anche sul bagnato.

Dopo la Oreca del WRT, sul podio sono salite le due Aurus 01 del team G-Drive con il 2° posto di  Rusinov/Colapinto/De Vries seguiti dai compagni Falb/Andrade/Merhi. Le due LMP2 del Team hanno dominato le prime fasi di gara prima del cambiamento di tempo che ha rimescolato i valori in pista, con il Team WRT che ha richiamato immediatamente Kubica per montare le gomme da bagnato, mentre la maggior parte degli avversari ha optato per le intermedie, una scelta che ha avvantaggiato il campione polacco mentre gli avversari sono dovuti rientrare, costretti ad una sosta supplementare per passare dalle intermedie alle full-wet. Quarto posto per il Racing Team Turkey del poleman Logan Sargeant, Charlie Eastwood e Salih Yoluc, che hanno preceduto l’Oreca dell’Ultimate, mentre le vetture dello United Autosports sono finite nelle retrovie tra le intemperie. Vittoria in LMP3 per il Cool Racing che ha preceduto l’Eurointernational per poco più di un decimo.

Podio rosso Ferrari in LMGTE con la vettura della AF Corse di Alessio Rovera, François Perrodo ed Emmanuel Collard, che ha tagliato per primo il traguardo. Il pilota italiano è stato quello che ha fatto la differenza, compiendo una gara veloce che ha fatto la differenza sugli avversari. Secondo posto, a un giro di scarto, per la 488 GTE dello Spirit of Race di Duncan Cameron, Matthew Griffin e David Perel. A chiudere il podio la Ferrari dell’Iron Lynx di Matteo Cressori, Rino Mastronardi e Miguel Molina, peccato per l’Iron Dames Rahel Frey insabbiatasi nell’ultimo giro.

Immagini © ELMS Press

ELMS – 4 Ore Spielberg – Classifica
1 – Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) – WRT – 149 giri
2 – Rusinov/Colapinto/De Vries (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 21″511
3 – Falb/Andrade/Merhi (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 1’32″227
4 – Yoluc/Eastwood/Sargeant (Oreca 07-Gibson) – Racing Team Turkey – 1 giro
5 – Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) – Ultimate – 1 giro
6 – Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) – Idec – 1 giro
7 – Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) – United Autosport – 1 giro
8 – Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) – Algarve Pro – 1 giro
9 – Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) – Duqueine – 1 giro
10 – Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) – Cool – 2 giri
11 – Merriman/Tilley/Dalziel (Oreca 07-Gibson) – Idec – 3 giri
12 – Hedman/Hayley/Menezes (Oreca 07-Gibson) – DragonSpeed – 3 giri
13 – Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) – Graff – 4 giri
14 – Canal/Stevens/Allen (Oreca 07-Gibson) – Panis – 4 giri
15 – Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) – BHK – 4 giri
16 – Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) – Cool – 6 giri
17 – Dromedari/Bolukbasi/Alders (Ligier JS P3-Nissan) – EuroInternational – 6 giri
18 – Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 6 giri
19 – Hippe/De Wilde/De Pauw (Ligier JS P3-Nissan) – Inter Europol – 7 giri
20 – Grinbergas/Kaprzyk/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) – Inter Europol – 7 giri
21 – Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 7 giri
22 – Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) – MV2S – 7 giri
23 – Van Uitert/Jamin/Maldonado (Oreca 07-Gibson) – United Autosport – 7 giri
24 – Perrodo/Rovera/Collard (Ferrari F488 GTE EVO) – AF Corse – 7 giri
25 – Hörr/Weiss/Dayraut (Duqueine M30-Nissan) – DKR – 8 giri
26 – Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) – Spirit of Race – 8 giri
27 – Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 8 giri
28 – McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 8 giri
29 – Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) – Nielsen – 8 giri
30 – Wells/Noble (Ligier JS P3-Nissan) – Nielsen – 8 giri
31 – Fassbender/Laser/Lietz (Porsche 911 RSR) – Proton – 8 giri
32 – Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) – JMW – 9 giri
33 – Ried/MacNeil/Campbell (Porsche 911 RSR) – Proton – 9 giri
34 – Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 9 giri
35 – Hartshorne/Adam/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) – TF Sport – 10 giri
36 – Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 29 giri

Giro veloce: Léo Roussel 1’18″435

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016