Endurance

Published on Febbraio 1st, 2021 | by Massimo Campi

0

Daytona 2021: Albuquerque fa la differenza

Il Team Taylor vince la 24 Ore di Daytona

Filipe Albuquerque è stato il vero eroe di questa edizione della 24 Ore di Daytona, una bellissima prova, nonostante il problema pandemia, che ha visto la lotta per il primo posto del podio fino a sette minuti dalla fine. Dopo quasi 24 ore di gara c’erano ancora in lotta la Acura/Oreca del Team Taylor contro la Cadillac/Dallara del Team di Chip Ganassi, due prototipi DPI con due piloti di alto livello, Filipe Albuquerque contro Renger Van Der Zande. La lotta nell’ultime mezz’ora di gara è stata al fulmicotone, forse più veloce, soprattutto nel misto, la Dallara, mentre la Acura riusciva a contenere l’avversario sui veloci banking. il pilota portoghese stava facendo ancora una volta la differenza, chiudendo ogni spiraglio all’avversario e buttandosi sempre dentro in sorpassi al limite dei doppiati con Van Der Zande sempre più minaccioso negli specchietti. Oltre venti minuti di lotta al fulmicotone fino a quando, a soli sette minuti dalla fine, in pratica tre giri ancora da compiere, una gomma posteriore della Cadillac/Dallara ha ceduto mettendo fine al sogno del Team Ganassi mentre il campione portoghese tirava finalmente un sospiro di sollievo.

Con tre vittorie consecutive in tre anni e quattro nell’ultimo quinquennio alla 24 Ore di Daytona il Wayne Taylor Racing ha colto uno storico successo dimostrando di essere ancora una volta la migliore organizzazione americana con i prototipi. I precedenti successi sono stati ottenuti con la Cadillac/Dallara, mentre l’ultimo è merito della Acura/Oreca ereditata dal Team Penske, una nuova unità portata per la prima volta in gara dal Team. La squadra statunitense ha perso Max Angelelli nell’organizzazione, ma non il potenziale vincente con Ricky Taylor, Alexander Rossi, Helio Castroneves e soprattutto Filipe Albuquerque, un quartetto di piloti cha hanno saputo interpretare al meglio tutte le fasi di gara.

Grande anche la squadra di Chip Ganassi, vero pungolo del Team Taylor, peccato per la foratura a pochi giri dalla fine, ma lo stesso inconveniente era già capitato due ore prima a Scott Dixon costringendolo ad una sosta inattesa ed alla fine la Cadillac/Dallara è stata classificata quinta con il deluso Renger Van Der Zande assieme anche e Kevin Magnussen. La validità della formula di gara, con i prototipi DPI che hanno un grande equilibrio delle prestazioni, vedeva ancora in lotta a quattro ore dalla fine cinque vetture in una manciata di secondi.

Kamui Kobayashi è stato l’altro grande protagonista della corsa portando sul gradino del podio la Cadillac-Dallara dell’ActionExpress Racing passando a 4 minuti dalla fine la Mazda di Harry Tincknell. Il giapponese ha diviso l’abitacolo con Simon Pagenaud, Mike Rockenfeller e Jimmie Johnson, mentre la Mazda RT24P del team Multimatic è stata pilotata da Jarvis-Tincknell-Bomarito ed ha preceduto la Acura Shank.

La Era Motorsport di Kevin Tilley, Ryan Dalziel, Paul-Loup Chatin e il gentleman Dwight Merryman con il sesto posto assoluto ha conquistato la vittoria di classe nella LMP2. Delusione per il Team Cetilar che ha avuto problemi al cambio della loro Dallara costringendo la AF Corse ad un lavoro di oltre due ore per la sostituzione. L’avere infine tagliato il traguardo è stata comunque una grande consolazione per l’avventura del team italiano alla prima esperienza in Florida.

Vittoria della Corvette C8R nella GTLM con Antonio Garcia, Jordan Taylor e Nick Catsburg che salgono sul primo gradino del podio seguiti dalla vettura gemella di Milner-Tandy-Sims, un riscatto rispetto alla difficile esperienza del 2020. Terzo posto per la prima BMW, mentre è stata in testa fino alle ultimissime fasi la Ferrari Risi, con James Calado, Alessandro Pier Guidi, Jules Gounon e Davide Rigon fino all’ultimo pit stop quando ha dovuto lasciare la posizione. In GT Daytona, doppietta Mercedes, con il successo del team Winward con Ward-Ellis-Dontje-Engel.

Secondo posto per Raffaele Marciello, sulla AMG GT in equipaggio con Habul-Grenier-Stolz. Terza piazza per Andrea Caldarelli, sulla Lamborghini del Paul Miller Racing divisa con Madison Snow, Corey Lewis e Bryan Sellers. In LMP3, successo per la Ligier del team Riley con Robinson-Andrews-Pigot-Askew.

Immagini © IMSA – NASCAR press

Classifica 24 Ore di Daytona 2021

1 – Taylor-Albuquerque-Rossi-Castroneves (Acura DPi) – Taylor – 807 giri
2 – Johnson-Kobayashi-Pagenaud-Rockenfeller (Cadillac DPi) – AXR – 4”704
3 – Jarvis-Tincknell-Bomarito (Mazda DPi) – Mazda – 6”562
4 – Cameron-Pla-Montoya-Allmendinger (Acura DPi) – Shank – 54”418
5 – van der Zande-Magnussen-Dixon (Cadillac DPi) – Ganassi – 1’07”744
6 – Merriman-Tilley-Dalziel-Chatin (Oreca LMP2 07) – Era – 20 giri
7 – Farano-Aubry-Buret-Vaxiviere (Oreca LMP2 07) – Tower – 20 giri
8 – Nasr-Conway-Derani-Elliott (Cadillac DPi) – AXR – 24 giri
9 – Mies-Lux-DeFrancesco-Schiller (Oreca LMP2 07) – DragonSpeed – 24 giri
10 – Ware-Yoluc-Dillon-Muller (Ligier LMP2) – RWR-Eurasia – 29 giri
11 – Garcia-Taylor-Catsburg (Corvette C8.R) – Corvette – 37 giri
12 – Milner-Tandy-Sims (Corvette C8.R) – Corvette – 37 giri
13 – Edwards-Krohn-Farfus-Wittmann (BMW M8 GTE) – RLL – 38 giri
14 – Calado-Pier Guidi-Gounon-Rigon (Ferrari 488 GTE) – Risi – 38 giri
15 – De Phillippi-Eng-Glock-Spengler (BMW M8 GTE) – RLL – 39 giri
16 – Thomas-Nunez-Merrill-Bell (Oreca LMP2 07) – Win – 43 giri
17 – MacNeil-Estre-Lietz-Bruni (Porsche 911 RSR – 19) – Proton – 47 giri
18 – Robinson-Andrews-Askew-Pigot (Ligier JS P320) – Riley – 50 giri
19 – Willsey-Barbosa-Boyd-Clairay (Ligier JS P320) – Sean Creech – 53 giri
20 – Kranz-Hoerr-Koch-McAleer (Duqueine D08) – Muehlner – 57 giri
21 – Cox-Murry-McCusker-Bleekemolen (Ligier JS P320) – Riley – 61 giri
22 – Ward-Ellis-Dontje-Engel (Mercedes-AMG GT3) – Winward – 62 giri
23 – Habul-Marciello-Grenier-Stolz (Mercedes-AMG GT3) – SunEnergy1 – 62 giri
24 – Sellers-Snow-Lewis-Caldarelli (Lamborghini Huracan GT3) – Miller – 62 giri
25 – Hindman-Long-Heylen-Bachler (Porsche 911 GT3R) – Wright – 62 giri
26 – James-De Angelis-Turner-Gunn (Aston Martin Vantage GT3) – HOR – 62 giri
27 – Auberlen-Foley-Read-Herta (BMW M6 GT3) – Turner – 63 giri
28 – Root-Eastwood-Keating-Westbrook (Aston Martin Vantage GT3) – TF Sport – 63 giri
29 – Mann-Nielsen-Serra-Cressoni (Ferrari 488 GT3) – AF Corse – 64 giri
30 – Morad-Skeen-Johnson-Buhk (Mercedes-AMG GT3) – Alegra – 66 giri
31 – Bennett-Kurtz-Braun-McMurry (Ligier JS P320) – Core – 70 giri
32 – Ferriol-Bamber-Legge-Nielsen (Porsche 911 GT3R) – Hardpoint – 70 giri
33 – Potter-Lally-Pumpelly-Farnbacher (Acura NSX GT3) – Magnus – 71 giri
34 – Vautier-Duval-Bourdais (Cadillac DPi) – JDC Miller – 84 giri
35 – Lacorte-Fuoco-Belicchi-Sernagiotto (Dallara LMP2) – AF Corse – 97 giri
36 – Robichon-Vanthoor-Kern-Campbell (Porsche 911 GT3R) – Pfaff – 105 giri
37 – Lindh-Cassels-LLarena-Ori (Ligier JS P320) – PerfTech – 120 giri
38 – Megennis-Veach-Bell-Montecalvo (Lexus RC F GT3) – Vasser Sullivan – 126 giri
39 – Jones-Curtis-Briscoe-Gomes (Ferrari 488 GT3) – Scuderia Corsa – 131 giri
40 – Metni-Davis-Hildebrand-Yount (Audi R8 LMS GT3) – NTE Sport – 142 giri
41 – Keating-Jensen-Huffaker-Lapierre (Oreca LMP2 07) – PR1 – 143 giri
42 – Telitz-Gavin-Kirkwood-Hawksworth (Lexus RC F GT3) – Vasser Sullivan – 166 giri
43 – Giovanis-Trinkler-Plumb-Plumb (Porsche 911 GT3R) – TeamTGM – 292 giri
44 – Kvamme-Norman-Chaves-Estep (Duqueine D08) – Forty7 – 394 giri
45 – Schothorst-Mapelli-Ineichen-Bortolotti (Lamborghini Huracan GT3) – GRT – 460 giri
46 – Goikhberg-Perera-Costa-Zimmermann (Lamborghini Huracan GT3) – GRT – 612 giri
47 – Van Eerd-van der Garde-van Uitert-Milesi (Oreca LMP2 07) – RTN – 743 giri
48 – Andersen-Habsburg-Lothringen-Fjordbach-Kubica (Oreca LMP2 07) – High Class – 751 giri
49 – Hanley-Hodes-Grist-Veekay (Oreca LMP2 07) – DragonSpeed – 754 giri

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016