Wec

Published on Agosto 15th, 2020 | by Massimo Campi

0

A Spa domina la Toyota

Con la ripresa del WEC, dopo il periodo di sosta dovuto alla pandemia covid19, non cambia la musica con la Toyota che domina, con una doppietta, la 6 Ore di Spa-Francorchamps.

La corsa è partita dopo un violento temporale che ha investito il tracciato prima del via, e subito le nipponiche TS050 hanno messo a frutto tutti i vantaggi del maggiore grip meccanico dato dalla trazione ibrida. Nonostante l’handicap regolamentare nei confronti delle LMP1 private, le Toyota sono subito andate in fuga ed allo scadere delle sei ore Mike Conway, Kamui Kobayashi e Jose Maria Lopez hanno preso la bandiera a scacchi al primo posto aumentando la leadership nel mondiale, mentre la vettura di Nakajima-Hartley-Buemi si è fermata all’ultimo per uno “splash” di carburante superando anche un problema elettronico nelle prime fasi. l’Oreca di casa Rebellion ha terminato terza con Gustavo Menezes, Bruno Senna e Norman Nato. Staccata la Enso CLMP1 di Dillmann-Spengler-Webb.
In LMP2, successo per lo United Autosports con Albuquerque-Hanson-Di Resta che ha dominato la classe inferiore. Secondi il Cool Racing con Lapierre-Borga-Coigny, terzo posto per l’Oreca del Racing Team Nederland, dopo una rimonta di Giedo Van Der Garde nelle fasi iniziali.


Grande lotta nella classe GTE-Pro dopo che la direzione gara ha restituito alla Porsche di Kevin Estre e Michael Christensen la pole tolta per track limits. La vettura tedesca ha condotto le prime fasi di gara, poi la lotta si è estesa anche alle Aston Martin e Ferrari, con Alessandro Pier Guidi e James Calado in gran forma con la pista bagnata, me una volta cambiate le condizioni meteo la 488 si è dimostrata inferiore rispetto alle avversarie. Alla fine, Estre e Christensen hanno resistito alla rimonta di Marco Sorensen e Nicki Thiim sulla seconda Aston, sempre leader iridata. Lynn e Martin, nonostante uno splash finale, hanno concluso terzi, seguiti da Calado-Pier Guidi e Bruni-Lietz. In GTE-Am, successo per la Ferrari di Francois Perrodo, Emmanuel Collard e Nicklas Nielsen.

 

Foto © Fia WEC/adrenal media

Spa 6 Ore – 15 agosto 2020

1 – Conway/Kobayashi/Lopez (Toyota TS050 – Hybrid) – Toyota – 143 giri
2 – Buemi/Nakajima/Hartley (Toyota TS050 – Hybrid) – Toyota – 34”170
3 – Senna/Menezes/Nato (Rebellion R13 – Gibson) – Rebellion – 1 giro
4 – Hanson/Albuquerque/Di Resta (Oreca 07 – Gibson) – UnitedAS – 3 giri
5 – Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07 – Gibson) – Cool Racing – 4 giri
6 – Van Der Garde/Van Eerd/Van Uitert (Oreca 07 – Gibson) – RTN – 4 giri
7 – Gonzalez/Da Costa/Davidson (Oreca 07 – Gibson) – Jota – 4 giri
8 – Patterson/Yamashita/Fjordbach (Oreca 07 – Gibson) – High Class – 5 giri
9 – Lacorte/Belicchi/Sernagiotto (Dallara P217 – Gibson) – Cetilar – 6 giri
10 – Christensen/Estre (Porsche 911 RSR – 19) – Porsche – 8 giri
11 – Sørensen/Thiim (Aston Martin Vantage AMR) – AMR – 8 giri
12 – Lynn/Martin (Aston Martin Vantage AMR) – AMR – 8 giri
13 – Calado/Pier Guidi (Ferrari 488 GTE Evo) – AF Corse – 8 giri
14 – Bruni/Lietz (Porsche 911 RSR – 19) – Porsche – 8 giri
15 – Rigon/Molina (Ferrari 488 GTE Evo) – AF Corse – 8 giri
16 – Perrodo/Collard/Nielsen (Ferrari 488 GTE Evo) – AF Corse – 9 giri
17 – Ried/Pera/Campbell (Porsche 911 RSR) – Proton – 9 giri
18 – Yoluc/Eastwood/Adam (Aston Martin Vantage AMR) – TF Sport – 9 giri
19 – Perfetti/Hörr/Cairoli (Porsche 911 RSR) – Project 1 – 10 giri
20 – Giraudi/Sanchez/Légeret (Porsche 911 RSR) – Proton – 10 giri
21 – Keating/Fraga/Bleekemolen (Porsche 911 RSR) – Project 1 – 10 giri
22 – Flohr/Castellacci/Fisichella (Ferrari 488 GTE Evo) – AF Corse – 10 giri
23 – Grimes/Mowlem/Hollings (Ferrari 488 GTE Evo) – Red River – 11 giri
24 – Tung/Cullen/Stevens (Oreca 07 – Gibson) – DC Racing – 11 giri
25 – Dalla Lana/Farfus/Ross (Aston Martin Vantage AMR) – AMR – 12 giri
26 – Wainwright/Watson/Barker (Porsche 911 RSR) – Gulf – 13 giri
27 – Dillmann/Spengler/Webb (Enso CLM P1/01) – ByKolles – 17 giri
28 – Yamanaka/Foster/Merhi (Ligier JSP217 – Gibson) – Eurasia – 21 giri
29 – Laurent/Negrão/Ragues (Alpine A470 – Gibson) – Signatech – 37 giri

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016