Formula 1

Published on Febbraio 28th, 2017 | by Bruno Brida

0

Test a Barcellona day 2: Hamilton monopolizza la mattina

Lewis Hamilton (Mercedes) ha monopolizzato la sessione mattutina del secondo giorno di test a Barcellona.

In una mattina grigia, nuvolosa, ventosa e fredda, il tre volte campione del mondo ha affrontato la sessione di test a Barcellona a testa bassa, come suo solito, cercando subito le prestazioni.

Alla pausa per il pranzo, il miglior tempo dell’inglese, che è anche il migliore della sessione, è quasi due secondi inferiore a quello di Kimi Raikkonen. Va, però, detto che mentre la prestazione della Mercedes è stata ottenuta con le super soft, la Ferrari ha continuato la sperimentazione delle medium.

Buon terzo tempo per Esteban Ocon, debuttante sulla Force India. Proprio sul finire della sessione il francesino si è bloccato all’ingresso della curva 9 ed è stata esposta bandiera rossa per consentire il recupero della monoposto.

Quarto tempo per la Haas di Kevin Magnussen, che ha avuto la soddisfazione di precedere di 12/1000 Max Verstappen, arrivato a Barcellona con il suo solito atteggiamento da spaccone. La Red Bull sembra un po’ in difficoltà nel realizzare buone prestazioni con una certa regolarità.

Poca storia per Antonio Giovinazzi, al primo assaggio vero con una Formula 1. È potuto uscire in pista con la Sauber quasi allo sventolare della bandiera a scacchi, per problemi di montaggio della power unit. Ogni valutazione è rimandata al pomeriggio.

Debutto sfortunato, invece, quello della promessa Lance Stroll, autore di un’uscita di pista con relativa tocca delle barriere di protezione con la Williams. “Anche se l’incidente non è stato grave, abbiamo purtroppo avuto qualche danno che dobbiamo riparare”, ha detto Rob Smedley, responsabile tecnico del team. “Faremo del nostro meglio per riprendere i test il più presto possibile domani”.

Continua a suscitare perplessità l’affidabilità dei motori Honda. Stoffen Vandoorne ha dovuto interrompere i sui giri per un improvvisa perdita di potenza. Per precauzione i tecnici giapponesi hanno preferito sostituire l’unità. La seconda in due giorni!

Secondo indiscrezioni, la Honda dovrà riprogettare il serbatoio dell’olio perché troppo piccolo e stretto e nei cambi di direzione e in frenata si creano dei vuoti di pescaggio da parte della pompa che non riesce così a mantenere la corretta pressione nel circuito di lubrificazione. 

Sempre secondo indiscrezioni, la riprogettazione del serbatoio influenzerà anche quella di altri componenti del motore. Si prevede che il propulsore modificato sarà pronto per la prossima settimana, per il secondo turno di test a Montmelò.

Questi i tempi della mattinata:

Pos. Pilota Vettura Tempo Giri
1 Lewis Hamilton Mercedes W08 1:20.983 64
2 Kimi Räikkönen Ferrari SF70H 1:22.831 47
3 Esteban Ocon Force India VJM10 1:23.045 27
4 Max Verstappen Red Bull RB13 1:23.212 29
5 Kevin Magnussen Haas VF-17 1:23.523 32
6 Daniil Kvyat Toro Rosso STR12 1:25.012 44
7 Lance Stroll Williams FW40 1:26.040 12
8 Stoffel Vandoorne McLaren MCL32 1:26.201 29
9 Antonio Giovinazzi Sauber C36 – :—.— 2
10 Jolyon Palmer Renault RS17 – :—.—
11 Valtteri Bottas Mercedes W08 – :—.—
Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

Bruno Brida

Laureato in ingegneria. Giornalista da oltre 40 anni nel settore motoristico, produzione e sportivo. Consulente della comunicazione. Esperienze: redattore di Quattroruote, caporedattore di Autoruore 4x4, caporedattore centrale della Gazzetta di Crema e della Gazzetta di Monza, direttore di Paddock.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016