ALTRE SERIE

Published on Agosto 31st, 2014 | by redazione

0

Mini Challenge a Le Castellet: gara 2 a Crocioni, il titolo a Calcagni

Con il secondo posto in gara 2, il romano Gianluca Calcagni de l’Automobile by Progetto E20 ha vinto matematicamente il Mini Challenge 2014. Nicola Crocioni, l’umbro di Mini Milano by Promodrive ha vinto gara 2, la decima corsa del monomarca organizzato da Mini Italia. Gran finale previsto, il 14 settembre sulla pista romana di Vallelunga.

Calcagni ha rimontato dopo essere scattato dall’ottava posizione in griglia per via delle prime otto posizioni invertite rispetto all’ordine d’arrivo in gara 1, vinta dal compagno di squadra Tramontozzi. Momento chiave della seconda sfida del penultimo appuntamento del Mini Challenge è stato al decimo giro quando Calcagni ha portato il suo affondo su Luca Gori, in quel momento al comando. Gori ha chiesto molto in avvio di gara agli pneumatici della sua Mini e a quel punto dietro Calcagni si è infilato anche Nicola Crocioni, che si è imposto in uno straordinario botta e risposta con Calcagni nel finale di gara. Crocioni ha rimontato dal fondo dello schieramento dapprima fino al secondo posto, riscattando così la squalifica subita in gara 1 con una corsa tutta in attacco, offrendo grande spettacolo soprattutto nella seconda parte. Ha siglato il giro veloce quando solo l’abilità può sopperire al prolungato lavoro delle gomme ed i motori turbo raggiungono le maggiori temperature. In vista della bandiera a sacchi ha portato il suo affondo decisivo.

Terzo sul podio Luca Gori che ha anche subito un danno allo scarico accusato proprio nel momento in cui il toscano di F.lli Gori by F.C. Motorsport ha ceduto il comando agli agguerriti concorrenti. Sotto al podio il bresciano Nicola Novaglio, puntualmente al via grazie al pronto intervento sulla frizione della sua Mini Cooper S del team P. Auto by Progetto E20, dopo il ritiro in gara 1. L’esperto driver in arrivo dalle salite ha rimontato dal fondo fino al quarto posto finale, precedendo sul traguardo Nicola Franzoso, sulla vettura di Mini Roma by Progetto E20, pilotata da Mimmo Giovannetti in gara 1. Sesta piazza per Jochen Trettl, titolare di NTP che cura gli assetti delle vetture che montano molle Eibach e ammortizzatori Bilstein, che ha onorato l’ospitalità di Mini Italia sulla Mini Cooper S numero 01 con cui è stato brillante protagonista del week end, meritando anche un drive trough in gara 2 per aver oltrepassato il limite della pista dopo uno start troppo aggressivo.

Protagonista sfortunato il romano Alessandro Sebasti Scalera del team Fratelli Gori by F.C. Motorsport, costretto ai box per un improvviso calo di potenza, forse dovuto ad un manicotto, complice un contrasto con Gori in avvio di gara. Poco dopo lo start altro brivido quando Gianni Giudici si è portato al comando ed ha avuto un duro duello con Calcagni, a seguito del quale è finito fuori pista.

Gianluca Calcagni, neo vinciotre del Mini Challenge 2014: “La cosa importante è ringraziare la squadra che mi ha sempre dato una vettura perfetta. Ivan Tramontozzi è il compagno ideale: serio e professionista. Sono molto contento di aver conquistato il Mini Challenge”.

Nicola Crocioni: “Sono contento di come sono andate le due gare, soprattutto la seconda, estromissione di gara 1  a parte. Ci voleva questo risultato per rinsaldare il secondo posto. Vorrei vincer una delle due gare finali a Vallelunga. Complimenti a Calcagni e Tramontozzi”.

Classifica gara 2: 1. Crocioni in 26’49”640; 2. Calcagni a 0”456; 3. Gori a 1”197; 4. Novaglio a 12”388; 5. Frazoso a 47”261; 6. Trettl a 47”680; 7. Markov a 1’38”346; 8. Horak a 2 giri.

Classifica Mini Challenge dopo 10 gare: 1. Gianluca Calcagni, p. 171; 2. Ivan Tramontozzi, p. 150; 2. Nicola Crocioni, p. 127; 4. Alessandro Sebasti Scalera, p. 101; 5. Luca Gori, p. 72.

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + 3 =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016