24H LeMans

Published on Agosto 7th, 2014 | by redazione

0

E’ della britannica Ginetta la prima LMP3

Come ricordato in altro articolo, la LMP3 è la nuova “entry class” studiata dall’Aco, organizzatrice della 24 Ore di Le Mans e del Wec, per favorire l’ingresso nella gare sport – endurance di nuove forze, piloti e team.

La classe LMP3 debutterà l’anno prossimo nei campionati Asian ed European Le Mans Series: telaio ed aerodinamica sono libere purché la carrozzeria sia come quelle delle sorelle maggiori LMP2 ed LMP1, ossia coupé con tanto di pinna dorsale antiribaltamento.

Ovvio che la nuova categoria stia suscitando l’interesse di tanti costruttori come la Wolf, l’Onroak e la nostra Tatuus. Quella che, però, ha bruciato tutti sui tempi è stata l’azienda britannica nata dalla fusione della Ginetta con la Juno Racing Cars costituita dall’ex Willimas F1 Ewan Baldry, che nella nuova struttura ha assunto il ruolo di direttore tecnico sia della parte racing sia della produzione stradale.

Per ora la Ginetta-Juno ha diffuso solo i primi bozzetti di come sarà la sua piccola sport – che, per regolamento, dovrà avere un prezzo d’acquisto massimo di 195mila dollari ed un budget inferiore ai 400mila dollari a stagione), in attesa che l’Aco renda noto il regolamento definitivo. L’unica certezza è il motore che, anche in questo caso, obbligatoriamente deve essere un V8 da circa 420 CV.

Il costruttore britannico ha preventivato una produzione iniziale di dieci/quindici vetture.

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 3 =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016