F1 GP di Monaco: per il motore meno potenza, più elasticità


Formula 1 Monaco Track

Published on Maggio 21st, 2014 | by redazione

0

F1 GP Monaco: per il motore meno potenza, più elasticità

Circuito_MonacoMonaco è uno dei pochi circuiti nel calendario della Formula 1 nel quale le prestazioni intrinseche del motore non hanno un ruolo preponderante.

In un giro, il gruppo propulsore funziona a pieno regime per meno di 30 secondi, ossia circa un quarto della distanza, perciò il parametro che consente di fare la differenza non è la potenza, bensì l’elasticità.

“Ciò non toglie – precisa Rémi Taffin, direttore attività in pista di Renault Sport F1 – che per ottenere risultati accettabili, non si debba puntare esclusivamente sulla qualità del telaio: il reparto motore deve concentrarsi a fondo sul proprio compito e apportare un contributo significativo”.

“Abbiamo già individuato gli obiettivi per questo week-end: ottimizzare e migliorare la risposta dei gruppi motopropulsori. Per farlo – continua Taffin – esploreremo i limiti del motore ai bassi regimi e metteremo a punto la limitata erogazione di coppia in ingresso e in uscita dalle curve lente. Solo così la reattività del propulsore sarà adeguata alle esigenze del pilota, che in definitiva è il vero protagonista della gara di Monaco. Il nostro lavoro, infatti, consiste nel metterlo a suo agio, rendendo la monoposto quanto più agile possibile. Il pilota deve sentire che l’auto risponde subito e in maniera precisa ai suoi comandi, entrando in coppia al momento giusto”.

I settori chiave sono al tornante della Rascasse, dove le vetture sfiorano le barriere, e al settore delle Piscine, dove il pilota deve cambiare rapidamente direzione passando dal pedale del freno a quello dell’acceleratore in un istante. Il recupero energetico è relativamente semplice su questo circuito, dati i numerosi punti di frenata. Le 19 curve complessive del tracciato devono essere affrontate a meno di 100 km/h, perciò il MGU-K può ricaricarsi in più occasioni durante il giro.

 

Il circuito di Monaco in cifre
(Classificazione su una scala da 1 a 5, dove 1 indica il livello meno impegnativo e 5 il più esigente)
 
Motore a combustione interna

1

MGU-K: generatore elettrico, sistema di recupero dell’energia cinetica in fase di frenata

4

MGU-H: generatore elettrico, sistema di recupero dell’energia termica dal terminale di scarico

3

Batteria (o riserva di energia)

4

Consumo di carburante

1

Recupero energetico

4

 
@motoremotion
Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − quattro =

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS

  • Il libro Brembo della Formula 1 2016