ATTUALITA' E MOTORI

Published on Maggio 13th, 2014 | by Massimo Campi

0

Monaco Hystorique F.3, gara per italiani

x-GP_monaco_hysto2014_MC_mem_b_1162

 

L’appuntamento monegasco della categoria cadetta è sempre stato di quelli importanti. Chi ha vinto il sabato o a solo impressionato il pubblico e gli addetti ai lavori, sulle tortuose strade del principato, si ritrovava l’anno dopo in F.1.

Vincere qui significava staccare un vero jolly verso la gloria. Anche oggi, nel Monaco Hystorique, la gara di F.3 è stata una vera gara, con diversi piloti che hanno corso sul serio e non una semplice esibizione come molti pensavano.

Gli italiani sono stati i grandi protagonisti: Paolo Barilla ha vinto, ma anche Valerio Leone è andato sul podio.

GP_monaco_hysto2014_MC_mem_b_1187

“Ci ho messo molto impegno per questa gara” sono le parole di Barilla, zuppo di champagne dopo la vittoria “ ho cercato di non fare errori e la vittoria è il giusto premio. Sono subito patito all’attacco, uno volta in testa ho cercato di scappare per non essere invischiato in qualche lotta. Questo è un circuito che non ti permette nessun errore ed anche un leggero contatto può significare le fine della gara. Correre qui dentro è sempre bello, mi è piaciuto anche da ragazzo e da professionista ed oggi mi sono veramente divertito”.

 x-GP_monaco_hysto2014_MC_mem_b_1205

Correre a Montecarlo è stato il sono di molti piloti, tra i tanti abbiamo intervistato Marco Fumagalli, al volante della sua gialla GRD.

“La vettura è un modello del 1973, usata in quella stagione da Alain Jones in Inghilterra. Ha vinto alcune gare ed è finito tra i primi in campionato. Nel 1974 è arriva in Italia, da Monzeglio, pilotata da Pedro Passatore. Ha vinto a Casale, ed ha disputato diverse gare in Italia. A Montecarlo ha già corso due volte, con Alain Jones nel 1973 e l’anno successivo con Passatore. La vettura è poi passata in varie mani, fino a quando è rimasta ferma abbandonata. L’ho acquistata da un collezionista ed è iniziato il restauro con Massimo Pollini, vero esperto di questo tipo di vetture e di F.3. La vettura è stata restaurata in versione 1974, con il motore da due litri, mentre nel 1973 montava ancora il 1.600 cc di cilindrata, ed i ricambi sono stati trovati in Inghilterra.

x-GP_monaco_hysto2014_MC_mem_b_1163

La vettura è molto morbida, ma molto divertente da guidare. Userò questa monoposto per fare altre gare, forse Silverstone in luglio e qualche gara in Germania. I sogni di andare in F.1 sono finiti da un pezzo, ora mi voglio divertire e con questo tipo di gare, e vetture come la mia GRD il divertimento è assicurato!. Ho sempre corso con le GT, mai con un formula. Correre a Montecarlo è sempre stato il sogno della mia vita e quasi non riesco a credere di stare vivendo questo sogno. Non è una pista, è un tracciato unico, libidine pura, un immensa giostra dove un bambino non vorrebbe mai scendere!”

x-GP_monaco_hysto2014_MC_mem_b_1164

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 9 =

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS