Formula 1

Published on Gennaio 31st, 2014 | by redazione

0

Jerez amara per la Red Bull

Anche la quarta ed ultima giornata di test a Jerez è stata altamente frustante per la Red Bull, alle prese con problemi vecchi e nuovi.

Daniel Ricciardo ha coperto appena sette giri, con continue soste ai box per regolazioni varie. Alla fine, come nelle precedenti sessioni, stop anticipato e rientro in sede, con molta delusione in corpo che traspare dalle poche dichiarazioni dei responsabili.

«Abbiamo avuto numerosi problemi sia con il motore Renault sia con il comportamento del telaio. Tuttavia – ha spiegato il team principal Christian Horner – nonostante la mancanza di chilometraggio, siamo sicuri di poter risolverli per i prossimi test in Bahrain. D’altra parte siamo venuti a Jerez proprio per scoprire tutti i limiti della nuova vettura prima dell’inizio della stagione: ora ci aspettano diverse ore di lavoro al banco».

«Stamattina – ha precisato poi Andy Damerum, responsabile in pista del team – abbiamo fatto sette giri e ogni volta che Ricciardo che è uscito in pista abbiamo fatto miglioramenti al controllo del motore. Poi, abbiamo scoperto un nuovo problema meccanico che non è stato possibile risolvere per la sessione pomeridiana. Così abbiamo deciso che era arrivato il momento di tornare a casa. Ora abbiamo due settimane per risolvere i problemi… due settimane sono davvero tante per la Formula 1 e quindi sono fiducioso che saremo pronti per l’inizio del campionato».

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × due =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016