Wec

Published on Marzo 12th, 2020 | by Massimo Campi

0

Sebring cancellata

Il FIA World Endurance Championship ha deciso di annullare la 1000 miglia di Sebring dopo l’annuncio di Trump sulla crisi conseguente al coronavirus. Gérard Neveu ha così sulla cancellazione delle

l’amministratore delegato Gérard Neveu ha così commentato in Florida la decisione di annullare la gara

“Come sapete, abbiamo monitorato attentamente la situazione ma, non appena il presidente Trump ha fatto l’annuncio del divieto di voli dall’Europa continentale (21:00 EST, 11 marzo 2020), sapevamo che non avevamo altra scelta che annullare immediatamente. Tanti membri del nostro paddock provengono dalla zona Schengen che sarebbe impossibile tenere la gara senza di loro. Abbiamo agito rapidamente mentre molti membri del team – i nostri all’interno del WEC e i nostri concorrenti – stavano per salire sugli aerei per venire in Florida. Abbiamo diffuso le notizie il più presto possibile in Europa per dare alle persone un avviso di annullamento o modifica dei piani. Lavorando in collaborazione con IMSA e Sebring Raceway e prendendo in considerazione i consigli dell’Organizzazione mondiale della sanità e delle autorità sanitarie federali e statali statunitensi che avevamo ogni giorno fino all’11 marzo, non era necessario prendere questa decisione prima . Stavamo andando avanti. Ci sono state preoccupazioni, ovviamente, soprattutto per quanto riguarda la situazione in Italia che stavamo valutando ma, alle 17:00 di ieri, era ancora possibile correre in quel momento. Con la nostra stagione che dura due anni, l’IMSA potrebbe rimandare in modo fattibile una gara a fine anno, ma è difficile dire di più su questo proprio ora. Siamo tutti delusi, Sebring sarebbe stato un evento importante per il motor sport e per quanto riguarda la visibilità negli Stati Uniti, ma siamo di fronte a una situazione totalmente senza precedenti e imprevedibile e che sta cambiando ogni giorno. Il nostro team logistico e sportivo del WEC era già presente in Florida per l’allestimento. Insieme al nostro partner logistico DHL Global Forwarding, assicureranno che le merci siano imballate in modo sicuro e rispedite in Europa. È un lavoro enorme, ma abbiamo un team eccellente che ci sta lavorando. Vorrei approfittare di questa opportunità per ringraziare tutto il team organizzativo e i diversi fornitori coinvolti in questa situazione molto difficile che lavorano giorno e notte per risolvere le questioni. Un sincero ringraziamento anche ai nostri partner dell’IMSA, a tutti i concorrenti WEC per il loro pieno supporto in queste circostanze uniche e difficili. Prima di pensare alle implicazioni per il campionato WEC, la nostra prima e più grande preoccupazione riguarda le persone colpite dal virus, ovunque si trovino. In primo luogo, dobbiamo prenderci cura l’uno dell’altro e stare insieme, sostenendoci a vicenda, per superare la pandemia di coronavirus. Detto questo, come molti altri campionati di corse, aziende e organizzazioni, l’impatto commerciale, sportivo e umano questo avrà per il futuro è considerevole, quindi dobbiamo lavorare ancora di più per adattare, perfezionare, rinnovare o rivitalizzare il nostro campionato. Non stiamo dicendo che sarà facile, ma questo è ciò che dobbiamo fare. A breve termine, ciò che dobbiamo ricordare, tuttavia, è che siamo nel mezzo di una situazione transitoria, anche se si tratta di uno senza un fine definitivo. Dobbiamo rimanere calmi, prenderci cura di quelli a cui siamo più vicini e affrontare le sfide di ogni giorno appena arrivano. Per quanto riguarda le rimanenti gare siamo consapevoli che questa è una situazione in rapido cambiamento e che nessuno di noi ha mai affrontato prima. Onestamente, in questo momento, non possiamo rispondere a questa domanda perché non è solo la nostra decisione da prendere. Vi terremo informati al più presto. Naturalmente, manterremo il nostro gruppo di monitoraggio Covid-19 esistente e continueremo a tenere informato il nostro paddock di eventuali sviluppi.”

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016