Formula 1

Published on Maggio 23rd, 2015 | by redazione

0

GP Monaco: le qualifiche viste dalla Pirelli

Lewis Hamilton ha conquistato la sua prima pole position a Monaco. Il pilota Mercedes è stato il più veloce in qualifica con il nuovo P Zero Red supersoft.

La mescola più morbida del range Pirelli è circa un secondo al giro più veloce del P Zero Yellow soft, l’altro pneumatico disponibile in questo fine settimana.

Quest’anno lo pneumatico supersoft è nuovo nella mescola e nella costruzione, progettato per offrire maggiore resistenza al graining e al blistering, pur offrendo ottime prestazioni complessive.

Le qualifiche sono iniziate con cielo nuvoloso e clima fresco, nel corso delle sessioni la temperatura del tracciato è scesa continuamente con qualche goccia di pioggia caduta nel paddock proprio all’inizio della Q3. Di conseguenza, è diventato particolarmente importante portare in temperatura gli pneumatici per ottenere la miglior prestazione.

Mercedes e Ferrari sono state le uniche a superare la Q1 utilizzando soltanto le gomme soft; dalla Q2 in poi tutti i piloti hanno utilizzato le supersoft. Con i bassi valori di usura e degrado, i piloti hanno potuto percorrere più giri durante le qualifiche, senza cali di prestazione.

Hamilton ha conquistato la pole position nel suo ultimo giro. L’inglese è stato il primo pilota, dopo Juan Pablo Montoya nel 2003, a vincere un Gran Premio di Monaco (2008) non partendo dalla pole. Da allora i vincitori sono sempre partiti dalla pole.

La sessione di prove libere di questa mattina è stata particolarmente importante in quanto i piloti (ad eccezione di Pastor Maldonado) non avevano ancora provato le supersoft, a causa della pioggia caduta in FP2. Di conseguenza, tutte le simulazioni di gara e di qualifica sono state concentrate nella sola ora di prove di questa mattina, in condizioni non particolarmente rappresentative. Sebastian Vettel, che partirà dalla terza posizione domani, è stato il più veloce in FP3 utilizzando le supersoft.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Le qualifiche a Monaco sono probabilmente le più importanti dell’anno, e siamo rimasti soddisfatti del modo in cui il nostro nuovo pneumatico supersoft si è comportato durante la lotta serrata per la pole. Ci aspettiamo una strategia su una sosta per la maggior parte dei piloti, a meno che non accada qualcosa di insolito con le condizioni meteo, come abbiamo avuto modo di sperimentare oggi.”

Monaco presenta una delle strategie di gara più semplici dell’anno, con usura e degrado così bassi. Tuttavia, vi è la possibilità che cadano, come oggi, alcuni scrosci di pioggia. Inoltre, storicamente c’è un’elevata probabilità di ingresso della safety car. Per i 78 giri di gara (il più alto numero di giri della stagione) la strategia teoricamente ideale è: iniziare con le supersoft, passare alle soft intorno al 27° giro, per giungere con queste fino al traguardo.

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016