Personaggi

Published on Agosto 6th, 2014 | by Bruno Brida

0

Crisi Ferrari: finisce l’era di Montezemolo?

In mancanza di risultati positivi in pista, la Ferrari fa parlare di sé per altri motivi che, purtroppo, evidenziano lo stato di crisi sportivo-societaria in cui versa quello che è stato definitivo “il marchio più noto al mondo”.

Un tempo – almeno così diceva – c’era sempre una fila di piloti disposti a fare carte false pur di approdare a Maranello. Oggi occorre una bella fila di milioni per trattenere a Maranello un pilota. Stando ai soliti bene informati, infatti, Fernando Alonso chiederebbe 50milioni di dollari l’anno per estendere il contratto con la Ferrari al triennio 2017 -2019. Come a dire, “non riuscite a darmi una macchina vincente? almeno strapagatemi!”.

Se fosse vera la notizia (di cui non avremo mai conferma), l’ingaggio dello spagnolo sarebbe il doppio da quello spuntato da Michael Schumacher al tempo dei suoi trionfi con la Rossa e supererebbe di gran lunga i guadagni di altri campioni dello sport contemporanei come il tennista Roger Federer (32 milioni).

In una stagione che, con le nuove regole, registra l’affermazione di giovani talenti come Daniel Ricciardo (25 anni), Valtteri Bottas (24 anni), Daniil Kvyat (20 anni), Kevin Magnussen (21 anni), c’è da chiedersi se abbia ancora senso investire fino alla soglia del 2020 una montagna di soldi su un “senatore”, anche se è “il miglior pilota in circolazione”? Forse sì, forse no … tutto dipende, come sempre, dalla capacità manageriale dell’azienda di far sì che l’ingente investimento non sia a fondo perduto.

Marchionne Elkann Montezemolo

Da sinistra, Sergio Marchionne (amministratore delegato del gruppo FCA), John Elkann (presidente di Fiat S.p.A.) e Luca Montezemolo (presidente di Ferrari).

Dirigenza che, in questo caso, significa Luca Montezemolo, 67 anni a fine agosto, una vita come presidente della Ferrari (per la precisione dal 1991), con cui ha finito per identificarsi. Soprattutto nel lungo e felice periodo della gestione sportiva affidata a Jean Todt, uomo dal carattere difficile ma perfetto organizzatore, e della comunicazione aziendale affidata ad un abile “manovratore” come Antonio Ghini.

Dimissionato il primo, pensionato il secondo, per la Ferrari gestione Montezemolo sono iniziati gli anni delle scelte tecnico-umane sbagliate (un esempio? l’allontanamento di Aldo Costa, oggi uomo chiave della resurrezione della Mercedes in F1) e di prese di posizione (come quella di chiedere soldi per l’utilizzo del logo ai Club di tifosi sparsi nel mondo, club che di solito sono un patrimonio di ogni società) che hanno alienato al Cavallino tante simpatie, dentro e fuori il mondo della F1.

Ora per Luca Montezemolo potrebbe essere arrivato il momento dell’addio a Maranello, anticipato dall’arrivo a sorpresa da New York dello sconosciuto ma (dicono) capace manager Marco Mattiacci.

Il campanello d’allarme è suonato all’assemblea dei soci di qualche giorno fa in cui è stata approvata ufficialmente la fusione Fiat-Chrysler ed è stato ufficializzato il cda della neonata società FCA, in cui è brillata l’assenza del nome dell’attuale presidente Ferrari. Un’assenza che per molti è una prova determinante della freddezza nei suoi confronti da parte di Sergio Marchionne (amministratore delegato di FCA), entrambi scontenti dei risultati sportivi e di redditività della Ferrari degli ultimi tempi.

Se Montezemolo se ne dovesse andare (magari per diventare presidente della nuova compagnia aerea Alitalia – Etihad), chi lo potrebbe sostituire? Di certo un uomo di fiducia della famiglia Agnelli, che conta ancora molto anche in seno alla FCA. Come il 38enne John Elkann, desideroso di dimostrare le sue capacità fuori dalla tutela di Marchionne. D’altra parte già nel 2010 John Elkann aveva preso il posto, a sorpresa, di Luca Montezemolo come presidente di Fiat S.p.A. Succederà così anche questa volta?

Finiamo con una notizia decisamente più lieta. Kimi Raikkonen sarà presto padre. In questi giorni è stato fotografato in vacanza, in Corsica, assieme alla compagna Minttu in evidente stato interessante. Auguri!

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , , , ,


About the Author

Bruno Brida

Laureato in ingegneria. Giornalista da oltre 40 anni nel settore motoristico, produzione e sportivo. Consulente della comunicazione. Esperienze: redattore di Quattroruote, caporedattore di Autoruore 4x4, caporedattore centrale della Gazzetta di Crema e della Gazzetta di Monza, direttore di Paddock.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 − 1 =

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS