Endurance

Published on Luglio 11th, 2021 | by Massimo Campi

0

ELMS 4 Ore di Monza,  vittoria della Panis Racing

le immagini della gara

Prima vittoria nella European Le Mans Series per il Team Panis Racing, la scuderia francese vince la 4 Ore di Monza con l’equipaggio composto da Julien Canal, James Allen e Wiliam Stevens dopo una incredibile rimonta. Scattato dall’ottava posizione, Canal è risalito in seconda piazza verso la fine della prima ora, sfruttando l’ingresso della safety car ed anticipando il pit stop, una scelta azzeccata che ha consentito un balzo in avanti nella classifica per la Oreca 07-Gibson n.65. Alla ripartenza la vettura del Team Panis è alle spalle del leader Phil Hanson con la vettura della United Autosport), che dopo 35 minuti di gara aveva scavalcato Roman Rusinov, scattato dalla pole grazie al tempo fatto segnare da Franco Colapinto in qualifica.

Scelta sbagliata invece per la vettura della G-Drive, dopo aver ceduto la testa a Hanson e Yifei Ye, il pilota russo di G-Drive ha invece preferito rimanere in pista più a lungo dei rivali, ma è stato tradito da un apparente problema al sensore del carburante, che lo lasciato senza benzina all’ingresso della corsia box pregiudicando tutta la gara con il risultato finale di finire all’ottavo posto staccati di un giro dai vincitori. Provvidenziale l’intervento del compagno di squadra Richard Bradley, che lo ha spinto fino alla piazzola. La manovra è però costata ad entrambi 5” di penalità da scontare al pit stop successivo, oltre ad uno stop&go di 10” per la vettura di Rusinov che senza carburante ha lasciato troppo spazio tra sé e la safety car, bloccando l’intero gruppo.

Secondi sotto la bandiera a scacchi  Phil Hanson, Jonathan Aberdein e Tom Gamble di United Autosports nonostante un’uscita di pista nell’ultima ora di gara. Terza la vettura n.82 del Team Jota con il duo Jazeman Jaafar-Sean Gelael. Rimangono così senza piloti sul podio i due equipaggi in testa alla classifica generale LMP2, ovvero G-Drive Racing e ORLEN Team WRT.

Pole e vittoria nella categoria LMP3 per DKR Engineering con la coppia Mathieu de Barbuat-Laurents Hörr su Duqueine M30 – D08 – Nissan. Il duo franco-tedesco prende il largo dopo la metà della gara e vince con oltre 21 secondi di vantaggio sul prototipo n.2 condotto da Wayne Boyd, Robert Wheldon e Edouard Cauhaupe di United Autosports. L’unico momento di difficoltà per i due piloti vincitori di classe si verifica a 40 minuti dalla fine, quando Hörr viene coinvolto in un contatto con un’altra LMP3, quella del Team Nielsen Racing e guidata dal trio Adcock-McCusker-Koebolt. Hörr si gira ma riesce subito a ripartire, mentre il prototipo n.6 si insabbia e deve attendere l’intervento dei commissari per riprendere la pista. Martin Hippe, Ugo de Wilde e l’italiano Mattia Pasini concludono terzi con la Ligier JS P320 – Nissan di Inter Europol Competition.

La gara più combattuta è quella delle LMGTE, con una lotta a due tra le Ferrari 488 GTE EVO dell’equipaggio italiano Iron Lynx e di Spirit of Race. A spuntarla è quest’ultimo team, con David Perel, Duncan Cameron e l’italiano Alessandro Pier Guidi, già autore della pole position e protagonista di una grande rimonta. Si devono accontentare della seconda posizione Matteo Cressoni, Rino Mastronardi e lo spagnolo Miguel Molina. Al terzo posto un’altra Ferrari, quella di AF Corse guidata da François Perrodo, Emmanuel Collard e Alessio Rovera.

Il primo successo nella serie europea per Il team Panis Racing è arrivato dopo l’uscita di scena del socio Fabien Barthez. Olivier Panis ha preso le redini della squadra, diventando team principal, con i fratelli Simon e Sarah Abadie, che ricoprono il ruolo di team manager e di fatto prestano l’assistenza tecnica con Tech1 Racing.

ELMS 4 Ore di Monza
1 – Canal/Stevens/Allen (Oreca 07-Gibson) – Panis – 125 giri in 4h00’56″924
2 – Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) – United Autosport – 5″131
3 – Jaafar/Gelael (Oreca 07-Gibson) – Jota – 34″420
4 – Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) – WRT – 41″783
5 – Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) – Duqueine – 1 giro
6 – Falb/Andrade/Merhi (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 1 giro
7 – Yoluc/Eastwood/Sargeant (Oreca 07-Gibson) – R.T. Turkey – 1 giro
8 – Rusinov/Colapinto/Jensen (Aurus 01–Gibson) – G-Drive – 1 giro
9 – Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) – Idec – 1 giro
10 – Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) – Algarve Pro – 1 giro
11 – Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) – Ultimate – 1 giro
12 – Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) – Cool – 2 giri
13 – Van Eerd/Van der Garde (Oreca 07-Gibson) – Racing Team Nederland – 2 giri
14 – Garcia/Duval (Oreca 07-Gibson) – Realtime – 2 giri
15 – Merriman/Tilley/Dalziel (Oreca 07-Gibson) – Idec – 3 giri
16 – Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) – Graff – 3 giri
17 – Hedman/Hanley/Montoya (Oreca 07-Gibson) – Dragonspeed – 3 giri
18 – Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) – BHK – 3 giri
19 – Hörr/De Barbuat (Duqueine M30-Nissan) – DKR – 6 giri
20 – Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 6 giri
21 – Hippe/De Wilde/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) – Inter Europol – 6 giri
22 – Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) – Cool – 6 giri
23 – Hodes/Grist/Crews (Ligier JS P3-Nissan) – Team Virage – 7 giri
24 – Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) – MV2S – 7 giri
25 – Zug/Kaprzyk/Creed (Ligier JS P3-Nissan) – Inter Europol – 7 giri
26 – Bressan/Laskaratos/Fioravanti (Ligier JS P3-Nissan) – 1 AIM Villorba – 7 giri
27 – Benham/Kapadia/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) – RLR – 8 giri
28 – McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) – United Autosport – 8 giri
29 – Cameron/Pier Guidi/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) – Spirit of Race – 8 giri
30 – Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 8 giri
31 – Perrodo/Rovera/Collard (Ferrari F488 GTE EVO) – AF Corse – 8 giri
32 – Hauser/Hauser/Cloet (Duqueine M30-Nissan) – Racing Experience – 8 giri
33 – Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) – JMW – 8 giri
34 – Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 8 giri
35 – Frey/Gatting/Gostner (Ferrari F488 GTE EVO) – Iron Lynx – 8 giri
36 – Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) – Nielsen – 8 giri
37 – Fassbender/Laser/Lietz (Porsche 911 RSR) – Proton – 9 giri
38 – Hartshorne/Gunn/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) – TF Sport – 10 giri
39 – Ried/MacNeil/Bruni (Porsche 911 RSR) – Proton – 10 giri
40 – Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 14 giri
41 – Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) – Graff – 26 giri

Immagini © Massimo Campi

« 1 di 2 »
Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016