Storia

Published on Settembre 3rd, 2020 | by redazione

0

Ferdinand Porsche 3 settembre 1875

Il 3 settembre 1875 nasceva Ferdinand Porsche, tra i più grandi ingegneri del mondo

È stato uno dei più grandi geni dell’industria automobilistica, un uomo, un ingegnere, che ha creato i più disparati mezzi di locomozione, Ferdinand Porsche nasceva il 3 settembre 1875 a Maffersdorfnella Boemia settentrionale , all’epoca parte dell’Austria-Ungheria e oggi parte della Repubblica Ceca . Ferdinando era il terzo figlio di Anna Ehrlich e Anton Porsche un maestro battitore che trasmetterà al figlio la passione per la meccanica. Ferdinand, mentre di notte aiutava suo padre nella sua officina meccanica di giorno frequentava le lezioni presso la Imperial Technical School di Reichenberg. ed a 18 anni inizia a lavorare alla Béla Egger Electrical e dopo il lavoro si intrufolava nell’università di Vianna per ascoltare le lezioni di ingegneria, solo in seguito verrà insignito del titolo.

Porsche scalpita sul lavoro, l’impegno è sempre massimo, e nei primi anni sviluppa un motore elettrico integrato con il mozzo dell’auto. In seguito entra alla Jakob Lohner & Company , che produceva autobus per l’imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria , nonché per i monarchi di Regno Unito, Svezia e Romania, poi passa alla Daimler ed infine si mette in proprio, ma sono le sue creature che rimarranno come grandi emblemi dell’industria mondiale come il primo veicolo ibrido benzina- elettrico ( Lohner-Porsche ), la Mercedes-Benz SS / SSK, , le Auto Union da competizione, il Maggiolino Volkswagen, molti altri importanti sviluppi e automobili Porsche.

Anche l’industria bellica deve il suo sviluppo al genio di Porsche: il cannone semovente Elefant (inizialmente chiamato “Ferdinand”) e il Carro armato super pesante Panzer VIII Maus , così come altri sistemi d’arma, inclusa la bomba volante V-1 sono opera del genio che in seguito, per opera della dirigenza nazista, viene naturalizzato tedesco.

Saranno proprio le collaborazioni con il partito nazista a causare grossi problemi dopo la seconda guerra mondiale.  Il 15 dicembre 1945, le autorità francesi arrestano Porsche, il cognato Anton Piëch ed il figlio Ferry Porsche come criminali di guerra. Mentre Ferry è liberato dopo 6 mesi, Ferdinando e Anton sono imprigionati prima a Baden-Baden e poi a Parigi e Digione.

Il figlio Ferry fa ripartire le attività dello studio Porsche, ottiene un contratto con Piero Dusio per realizzare la Cisitalia da Gran Premio e saranno quei soldi che serviranno a pagare il riscatto per liberare Porsche e Piech rilasciati nel 1948 dopo aver trascorso 22 mesi in prigione e giudicati non colpevoli delle accuse francesi.

I Porsche ripartono, nasce la fabbrica a Gmünd in Carinzia , dove si erano trasferiti da Stoccarda per evitare i bombardamenti alleati. La Porsche inizia a produrre la nuova 356 in una vecchia segheria e ricomincia a Gmünd la saga Porsche con il figlio Ferry, ma nel 1950 Ferdinand Porsche ha un ictus che lo condurrà alla fine della sua esistenza il 30 gennaio 1951.

Immagini © Porsche press – Massimo Campi

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016