Storia

Published on Settembre 5th, 2019 | by Massimo Campi

0

1979, dominio rosso

La Ferrari domina in F.1 con Jody Scheckter che vince il titolo mondiale

Era l’ultimo degli anni ’70, un decennio indimenticabile per il motorsport e per la Ferrari che conquistava doppio titolo, piloti e costruttori, con Jody Scheckter e la 312 T4. Il terzo mondiale degli anni ’70, con il primo fantastico bis di Niki Lauda che ha riportato la rossa al ruolo di grande protagonista.

L’immagine va a quel trionfo sulla pista nazionale, l’Autodromo di Monza, con il sudafricano che passa sotto la bandiera a scacchi suggellando il risultato ambito e Gilles Villeneuve, il canadese volante, la nuova grande scommessa di Enzo Ferrari, a coprirgli le spalle e già pronto per i nuovi successi ed un futuro titolo mondiale che mai arriverà.

Monza 1979, non è una semplice gara, ma la festa, il trionfo in rosso, con Williams, Ligier e soprattutto la Renault Turbo che sono serie minacce per le vetture di Maranello al via, ma dopo metà gara sono le Ferrari a fare passerella fin sotto il podio. Gilles Villeneuve obbedisce agli ordini di scuderia, non attacca l’amico leader del mondiale, gli lascia cogliere il doppio trionfo scortandolo da bravo secondo verso la vittoria matematica del titolo.

Jody Scheckter è al suo primo anno con la rossa, e non fallisce il colpo. La 312 T4 con quella carrozzeria larga e piatta rappresenta l’apoteosi del 12 cilindri boxer di Mauro Forghieri. Con anche i risultati del canadese volante, protagonista di gare sempre all’insegna della massima competitività, come quel fantastico duello con Renè Arnoux a Digione, la Ferrari conquista anche la doppietta nel titolo mondiale.

La Ferrari aveva iniziato in sordina il mondiale 1979, con la con Jaques Laffitte e la Ligier che vincono le prime gare candidandosi per il mondiale. Dal GP del Sudafrica, la gara di casa di Scheckter, le cose cambiano e la creatura di Mauro Forghieri diventa la protagonista. I due piloti rossi finiscono sul podio, le rimanenti gare sono sempre all’insegna del risultato finale, ed arrivano anche le vittorie in Belgio e Monaco che portano il sudafricano in testa al mondiale. La nuova minaccia si chiama Renault con il suo sei cilindri turbo. La gialla vince in Francia con Depailler, mentre Villeneuve ed Arnuox con l’altra si divertono a suon di ruotate per il secondo gradino del podio in quel duello che rimarrà una icona di lotta sportiva. Nella seconda parte della stagione tocca alla Williams il nuovo ruolo di vettura veloce, molto a suo agio nei tracciati ad alta media sul giro con la FW07, monoposto ad effetto suolo progettata da Patrick Head che ottiene la sua prima vittoria con Clay Regazzoni in Gran Bretagna. Scheckter da attaccante diventa calcolatore, sempre puntando ai punti ed è così che conquista con una gara di anticipo l’ambito trofeo sulla pista lombarda.

Il 1979 è la fine di un favoloso decennio che ha visto la Formula Uno crescere in modo esponenziale nella sua fama mondiale. Tutto era iniziato con le vetture ancora strette e lunghe ed il motore DFV Cosworth a fare la parte del leone. Iniziava il decennio delle kit cars, vetture costruite dai “garagisti” inglesi con motori, cambi, sospensioni, freni tutti uguali, mentre rimaneva solamente la Ferrari fuori dall’unanime coro tecnico con il 12 cilindri piatto. Nell’arco di poco tempo tutto è cambiato, le monoposto da lunghe e strette sono diventate corte e larghe come la Ferrari 312 della serie T, con il cambio trasversale, l’arma che ha reso possibile i due mondiali di Niki Lauda. Poi ci ha pensato il genio di Colin Chapman a scoprire l’effetto suolo, con l’aerodinamica che diventava molto più importante della potenza meccanica. Infine ci pensa la Renault con il suo sei cilindri sovralimentato, ancora acerbo nel 1979, ma già pronto a divenire la tecnologia del futuro.

Sono passate 40 stagioni da allora, il 1979 è stata, nella storia della categoria, la 30ª ad assegnare il Campionato Piloti e la 22ª ad assegnare il Campionato Costruttori. È iniziata il 21 gennaio e terminata il 7 ottobre, con 15 gare per assegnare il sesto titolo costruttori alla Scuderia del Cavallino Rampante e l’unico titolo piloti a Jody Scheckter che pago del risultato continuerà per un’altra stagione, sempre più demotivato, prima del ritiro definitivo. Con il nuovo decennio, gli anni ’80, la massima categoria dell’automobilismo diventerà sempre più fenomeno mondiale. Si cambia ancora registro, arriveranno i grandi costruttori, oltre a Renault anche Honda e BMW, i nuovi piloti come Prost e Senna futuri protagonisti, e tutto quel successo è come se fosse iniziato proprio da quella festa tinta di rosso a Monza ’79.

Immagini Raul Zacchè

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • MOTOREMOTION LIVE NEWS