Endurance no image

Published on Aprile 29th, 2013 | by Bruno Brida

0

GT Open al Paul Ricard: l’Aston Martin e la Ferrari si dividono la posta

Gara1, partenza: l'Aston Martin Vantage GT3 del GPR Racing davanti alla Ferrari 458 Italia GT3 del Kessel Racing.

Gara1, partenza: l’Aston Martin Vantage GT3 del GPR Racing davanti alla Ferrari 458 Italia GT3 del Kessel Racing.

L’Aston Martin Vantage GT3 del team belga GPR Racing dell’equipaggio Enzo Ide e Maxime Soulet ha dominato la gara inaugurale della stagione 2013 del campionato GT Open sul circuito francese del Paul Ricard, flagellato dalla pioggia e con visibilità ridotta dalla nebbia.

La Ferrari 458 Italia GT3 del Kessel Racing dei danesi Jan Magnussen-Johnny Laursen ha conquistato il secondo posto assoluto, con la prima vettura del Super GT, mentre la V8 Racing Corvette di Bert Longin e Diederik Sijthoff ha completato il podio prima che una penalizzazione post-gara di 30 “per non aver rispettato i limiti di velocità in pit line la precipitasse al settimo posto, lasciando il terzo gradino del podio alla Ferrari 458 GT del duo Montermini-Filippi (Scuderia Villorba Corse).

Gara 2 è stata disputata in condizioni migliori di quelle di gara 1. La vittoria è andata a Luca Filippi e Andrea Montermini, al volante della loro Ferrari 458 GT della Scuderia Villorba, davanti ai vincitori di gara 1, Enzo Ide-Maxime Soulet (Aston Martin Vantage GT3), primi della categoria GTS. Terzo posto per la Ferrari 458 GT2 della coppia Talkanitsa padre e figlio, che ha guidato fino a un paio di giri dalla fine. In GTS, la Mercedes SLS AMG GT3 di Renger van der Zande – Miguel Toril è arrivata seconda davanti alla Ferrari di Lorenzo Bontempelli-Nicola De Marco, ritirati in gara 1.

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,


About the Author

Bruno Brida

Laureato in ingegneria. Giornalista da oltre 40 anni nel settore motoristico, produzione e sportivo. Consulente della comunicazione. Esperienze: redattore di Quattroruote, caporedattore di Autoruore 4x4, caporedattore centrale della Gazzetta di Crema e della Gazzetta di Monza, direttore di Paddock.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016