Altre monoposto no image

Published on Aprile 24th, 2013 | by redazione

0

Indycar a Long Beach: la prima volta di Takuma Sato

Il podio del GP di Long Beach di Indycar: da sinistra, Graham Rahal, il vincitore Takuma Sato, e Justin Wilson.

Il podio del GP di Long Beach di Indycar: da sinistra, Graham Rahal, il vincitore Takuma Sato, e Justin Wilson.

Il giapponese Takuma Sato (un passato in F1 nei team Jordan, Bar, Super Aguri) con la monoposto del team di A.J. Foyt ha conquistato la sua prima vittoria in Indycar sul circuito stradale di Long Beach, dopo aver ottenuto due pole position nel corso della sua carriera in questa categoria, iniziata nel 2010, ma senza esser mai riuscito a prevalere anche in gara, spesso a causa della sua irruenza.

Sato è partito dal terzo posto, affiancato a Will Power e dietro a Dario Franchitti, che non ha brillato per le prime due gare stagionali, e al campione in carica Ryan Hunter-Reay. Quest’ultimo, non in forma smagliante, ha fatto da tappo al gruppo di testa per la prima ventina di giri, mentre Franchitti era tranquillamente in testa.

La situazione si è sbloccata dopo la seconda caution che ha permesso a Sato, grazie al gioco dei pit-stop, di prendere la testa della gara, posizione che ha mantenuto fino alla fine grazie anche alle disgrazie dei principali avversari: Power ha avuto problemi ai box, Dixon e Castroneves sono stati costretti alle parti meno nobili della classifica a causa di contatti nella parte iniziale della gara, mentre Hunter-Reay, Tony Kanaan e il vincitore di St. Petersburg James Hinchcliffe hanno terminato la loro gara contro le barriere di protezione.

La classifica dinale del GP di Long Beach.

La classifica dinale del GP di Long Beach.

Alle spalle di Takuma Sato si sono classificati i sorprendenti outsider Graham Rahal e Justin Wilson, che hanno preceduto Dario Franchitti, vincitore della Indy500 nel 2007, 2010 e 2012.

Nel video, le highlights della corsa.

Print Friendly, PDF & Email

Tags: ,


About the Author

redazione

Un gruppo di appassionati vi tiene informati, sul sito e via Facebook, su quanto avviene, anche dietro le quinte, nel mondo delle competizioni motoristiche internazionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 3 =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016