Vetture

Published on Aprile 23rd, 2013 | by Massimo Campi

0

Ritorno a Pikes Peak

1_pikes-peak-peugeot-208-sebastien-loeb

Il leone francese è pronto nuovamente a ruggire, anzi a scalare le vette, quella vetta in cima al mondo automobilistico: il Pikes Peak.

È un ritorno per la Peugeot, già  nell’88 con Vatanen (di quell’impresa fu realizzato uno spettacolare cortometraggio) e nell’89 con l’americano Unser ha colto il successo, ora la nuova 208 T16 “Pikes Peak” si appresta a raccogliere la gloriosa eredità. Della 208 di serie rimane solo il nome, la vettura è stata direttamente preparata dalla Peugeot Sport ed è equipaggiata da un V6 biturbo da 875 CV derivato dall’Endurance. per rendere la vettura quanto più possibile agile, la ripartizione delle masse intorno al telaio tubolare è stata migliorata e il motore è in posizione centrale posteriore, come sulle Sport  del Gruppo B degli anni 80 o i prototipi dell’Endurance.
Dalla 908 che ha vinto a Le Mans, la nuova 208 ha ereditato alcune componenti, tra cui i freni, alcuni componenti aerodinamici, come la presa d’aria che alimenta il motore o ancora lo spettacolare alettone di due metri derivato dalla prima 908 HDi FAP.

A portarla sulla salita americana ci penserà Sebastian Loeb che dovrà affrontare il prossimo 30 giugno i 18 tornanti e le 156 curve con questo prototipo estremo.

2-pikes-peak-peugeot-208-sebastien-loeb

208 T16 “Pikes Peak”: scheda tecnica

Motore

Architettura: V6 biturbo
Cilindrata: 3.2 l
Numero di valvole: 24
Posizione motore: Centrale posteriore
Numero di cilindri: 6 a V di 60°
Potenza: 875 CV
Coppia: 90 mkg
Regime massimo: 7.800 g/min

Prestazioni
Velocità massima: 240 km/h
da 0 a 100 km/h: 1’’8
da 0 a 200 km/h: 4’’8
da 0 a 240 km/h: 7’’

Trasmissione
Trazione: 4 ruote motrici
Cambio: Longitudinale a 6 rapporti a comando sequenziale azionati da leve al volante

 

Telaio

Struttura: Tubolare in acciaio
Carrozzeria: Carbonio

Sospensioni / Freni / Sterzo
Sospensioni: A doppio triangolo e puntone / bilancieri ai 4 angoli
Molle: Barre di torsione
Ammortizzatori: Pressurizzati
Barre: antirollio anteriore e posteriore
Sterzo: Diretto a assistenza idraulica
Freni: Doppio circuito idraulico, pinze monoblocco in lega leggera
Dischi: In carbonio anteriori e posteriori ventilati
Dischi anteriori: 380 mm
Dischi posteriori: 355 mm
Ruote: 18×13 / Specifiche in magnesio ispirate alla tecnologia della F1
Pneumatici: Michelin 31/71/18

Dimensioni
Lunghezza: 4.500 mm
Larghezza: 2.000 mm
Altezza: 1.300 mm
Sbalzo anteriore: 1.690 mm
Sbalzo posteriore: 1.690 mm
Passo: 2.695 mm
Alettone: 2.000 mm
Capacità del serbatoio: 40 l
Peso: 875 kg

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , ,


About the Author

Massimo Campi

Perito meccanico, fotografo, giornalista, da oltre 40 anni nel mondo del motorsport. Collaborazioni con diverse testate e siti giornalistici del settore.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 8 =

Back to Top ↑
  • Il libro Brembo della Formula 1 2016